Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Meteo

78° anniversario dell’eccidio della Benedicta, la commemorazione di Don Tessaglia a Bosio

Pubblicato

il

BOSIO – Nella zona monumentale di Capanne di Marcarolo, nel Comune di Bosio, in provincia di Alessandria, al confine con la provincia di Genova, è stato ricordato l’Eccidio della Benedicta dell’aprile 1944 quando, nella settimana di Pasqua, 150 partigiani, con base nella Cascina omonima poi fatta saltare, furono catturati e uccisi dai nazifascisti o deportati nei campi di concentramento di Mauthausen e Gusen.

Sono state esposte le bandiere dell’Italia e dell’Ucraina e quella con il simbolo della pace.

Durante la celebrazione della messa e la distribuzione dell’ulivo nella Domenica delle Palme, don Stefano Tessaglia, ha fatto riferimento anche alla guerra in Ucraina. “I Caduti della Benedicta – ha detto – hanno sacrificato le loro vite per avere un mondo migliore.

A distanza di anni, quando mai si sarebbe pensato di trovarsi a riflettere sul sangue che ancora sporca le guerre, il pensiero va inevitabilmente alle vittime militari e civili dell’Ucraina”.

La commemorazione alla Benedicta è tornata quest’anno dopo due anni di stop per il Covid- “Ricominciare in presenza e in tanti è stato un bel modo, anche se con la morte nel cuore per il popolo ucraino che sta soffrendo. Ora e sempre resistenza”, ha detto Daniele Borioli, presidente Associazione Memoria della Benedicta.

Intervenuti anche i rappresentanti delle istituzioni, come il sindaco di Bosio, Stefano Persano e il Vicepresidente del Consiglio regionale, Armando Sanna, intervenuto in rappresentanza della Regione Liguria.

“Sempre alla Benedicta settantacinque prigionieri, per la maggior parte ragazzi non ancora ventenni, vennero fucilati”- ricorda il vicepresidente Sanna – “Sono passati tanti anni da allora, diverse generazioni si sono avvicendate, molti protagonisti del tempo ci hanno lasciato, anno dopo anno”.

“Eppure a tanta distanza di anni, se ci troviamo ancora qui, vuol dire che non è ancora venuta meno la voglia di ricordare e di tornare su questi luoghi per riflettere e interrogarci sui perché di tanti tremendi eventi.”

L’eccidio della Benedicta costituisce la più grande strage di combattenti di tutta la Resistenza italiana ed è esplicitamente citato nella motivazione della medaglia d’oro al valore assegnata nel 1997 alla Provincia di Alessandria dall’allora presidente della Repubblica, Oscar Luigi Scalfaro.

Non a caso, prima Giuseppe Saragat, poi Sandro Pertini e da ultimo Carlo Azeglio Ciampi hanno reso omaggio al Sacrario dei Martiri, in qualità di Presidenti della Repubblica.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X