Entra in contatto con noi

Politica

Appalti storici, Grimaldi (LUV): servono garanzie per chi resterà fuori dalla stabilizzazione

Pubblicato

il

TORINO – Si è svolto questa mattina, presso la Camera del Lavoro, l’incontro fra sindacati e parlamentari sugli appalti storici e gli ex Lsu (lavoratori socialmente utili) nelle scuole.

Marco Grimaldi
Foto: torinooggi.it

Il 10 ottobre il MIUR ha finalmente convocato le rappresentanze sindacali e consegnato loro una bozza del decreto attuativo della legge di bilancio 145/2018, che prevede la procedura selettiva di internalizzazione degli appalti per i servizi di pulizia nelle scuole, che avverrebbe dal 1 gennaio 2020.

I sindacati, favorevoli al processo ma preoccupati per i ritardi e per l’assenza di dati certi per valutare le ricadute sui lavoratori coinvolti, hanno chiesto che il confronto si sviluppi con la regia della Presidenza del Consiglio e coinvolgendo, oltre al MIUR, il MEF e il MLePS.

“Sono grato alla CGIL di avermi coinvolto in un incontro così importante. Internalizzare i servizi di pulizia non può che essere un passo verso una maggiore garanzia ai lavoratori e alle lavoratrici di occupazione e reddito. Abbiamo visto negli stessi appalti della Regione quanti casi di sottoccupazione, riduzione delle ore e del salario possano verificarsi grazie a un sistema gestito al ribasso e difficile da controllare” – dichiara il Capogruppo di Liberi Uguali Verdi Marco Grimaldi, presente all’incontro. – “Bisogna però chiarire alcuni punti: perché il provvedimento sia attuabile, le aziende devono fornire dati certi sulla distribuzione e le caratteristiche dei lavoratori al momento impiegati negli appalti; occorre verificare la corrispondenza degli attuali organici con i posti disponibili e prevedere, per chi non entrerà nel processo di stabilizzazione, continuità occupazionale e di reddito. In Piemonte a oggi si stima che verrebbero coinvolte 607 persone, di cui 494 solo a Torino; le cooperative (tranne Coop Service) hanno aperto le procedure di licenziamento per tutti già ieri, occorre avere certezze sul loro futuro”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X