Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Genova, ruba alla Fiumara e sputa al vigilante che lo vuole fermare: arrestato

Pubblicato

il

GENOVA – I poliziotti dell’U.P.G. hanno arrestato, per tentata rapina impropria, un nigeriano di 45 anni pluripregiudicato per reati contro il patrimonio.

Giornata europea della sicurezza stradale

L’uomo, conosciuto dagli operatori addetti alla vigilanza della Fiumara poiché dedito alla commissione di furti, si è presentato all’interno di uno dei negozi del centro commerciale e, dopo aver prelevato una felpa dagli scaffali, si è diretto verso l’uscita a passo svelto. Fermato da una guardia giurata che lo stava osservando durante i suoi movimenti, l’uomo si è abbassato la mascherina sputandogli in faccia e spintonandolo per guadagnarsi la fuga. Tra i due è nata una colluttazione interrotta solo grazie all’intervento di altri vigilanti e dei poliziotti dell’U.P.G..

All’interno del suo zaino sono stati rinvenuti diversi abiti e scarpe per un valore commerciale di 66.88 euro, risultati rubati nei negozi del centro commerciale. Questa mattina la direttissima.

Individuato e arrestato l’autore della rapina del 21 ottobre in Via del Campo.

Via Petrarca, ore 12,40

La Polizia di Stato di Genova ha posto in stato di fermo di P.G. un cittadino algerino di 35 anni, pregiudicato, per il reato di rapina aggravata.

I poliziotti del Commissariato Prè, a conclusione di una capillare e repentina indagine supportata dall’acquisizione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza, hanno individuato l’autore dell’accoltellamento avvenuto mercoledì sera nel centro storico, ai danni di un marocchino di 38 anni.

Ieri mattina, l’uomo è stato riconosciuto in via Petrarca e, sottoposto a controllo, gli è stato trovato addosso il coltello ancora insanguinato oltre agli stessi indumenti indossati la sera prima, macchiati di sangue.

Spaccia nei giardini del porto turistico di Chiavari: arrestato

Ore17,30

I poliziotti del commissariato di Chiavari hanno arrestato un cittadino cileno di 23 anni nella flagranza del reato di spaccio di droga.

A seguito di alcune segnalazioni circa la presenza di noti assuntori di droga nella località denominata “Le Dune” è stata eseguita un’attività di osservazione della zona indicata.

Nel corso del pomeriggio i poliziotti hanno assistito ad uno scambio tra il 23enne e due giovani. Questi ultimi, dopo che si erano allontanati, sono stati fermati ed hanno ammesso di aver appena acquistato due involucri contenenti marijuana per un peso complessivo di 4,8 gr.

Accertata l’attività di spaccio, il cileno è stato controllato e, dalla plancia di una barca che utilizzava come magazzino, è stato recuperato un involucro contenente 15,18 grammi della stessa sostanza, un bilancino di precisione e 255 euro provento dell’attività criminosa. L’uomo è stato accompagnato in questura e oggi si svolgerà il processo per direttissima.

Molesta le persone presenti in un bar e aggredisce le Forze dell’Ordine. Arrestato

I poliziotti del commissariato di Chiavari hanno arrestato un 42enne italiano per minacce o violenza, resistenza e lesioni aggravate a P.U.

Il personale di un bar di Chiavari ha chiamato la Polizia perché all’interno del suo locale c’era una persona che molestava gli avventori e il personale, minacciandoli di morte, fatto peraltro che si era già verificato in altre occasioni.

Gli agenti intervenuti gli hanno chiesto i documenti e lui, per tutta risposta, gli ha lanciato contro il telefonino persistendo nel suo comportamento aggressivo.

Dopo ripetuti inviti, tutti disattesi, a mantenere la calma, hanno deciso di accompagnarlo presso il Commissariato e in questa azione sono stati coadiuvati da una pattuglia dei Carabinieri giunta in ausilio.

Anche in questa sede l’uomo, che ha diversi precedenti,  ha continuato la sua condotta ed è stato poi accompagnato in Questura, su disposizione del Magistrato, in attesa del processo che si svolgerà oggi con rito direttissimo.

I due poliziotti del Commissariato sono stati medicati per lesioni guaribili in 2 gg e un carabiniere per lesioni guaribili in 3 giorni.

Ruba una bicicletta e la rivende. Denunciato

Via San Sebastiano, martedì scorso

I poliziotti del Commissariato San Fruttuoso hanno denunciato per furto aggravato un genovese di 53 anni, pluripregiudicato per svariati reati, non ultimo quello della ricettazione di una bicicletta, che risale ad un paio di mesi fa.

I fatti risalgono a martedì scorso quando un 24enne originario della Costa d’Avorio, transitando in piazza Raggi ha riconosciuto la bicicletta che gli era stata rubata la sera prima, cavalcata da un ragazzo sconosciuto ed ha contattato immediatamente il 112. Gli agenti intervenuti hanno fermato il conduttore, un 23enne marocchino regolarmente soggiornante ed incensurato, che si è mostrato molto sorpreso del controllo. Interrogato circa la provenienza del velocipede, ha dichiarato che, anche lui, qualche giorno prima, era stato vittima del furto della propria bicicletta necessaria per svolgere l’attività di corriere e di aver acquistato quella attualmente in uso da un italiano che gli aveva proposto l’”affare” in strada, nel centro storico, mentre cercava la sua, chiedendogli un compenso di 250 euro. A conferma delle sue affermazioni ha mostrato una foto scattata pochi attimi dopo lo scambio in cui è stato immortalato il volto del venditore. Inevitabilmente il ragazzo è stato segnalato per il reato di ricettazione, ma i poliziotti hanno avviato subito le indagini per risalire all’identità del ladro. Preziose sono state le immagini estrapolate dal sistema di videosorveglianza di un esercizio commerciale di via San Sebastiano, luogo del furto indicato dal 24enne, che hanno ripreso lo stesso soggetto mentre si allontanava spingendo il velocipede. Decisivo poi il riconoscimento da parte di un poliziotto del Commissariato che, grazie alla profonda conoscenza del territorio, ha immediatamente dato un nome al volto del ladro di biciclette.

www.poliziadistato.it/pressarea/Share/link/3b618d96-1510-11eb-8897-736d736f6674

 In sella ad una bici elettrica rubata. Denunciati

Piazza Caricamento, ore 02.00

Questa notte i poliziotti dell’U.P.G. hanno denunciato due marocchini di 33 e 27 anni, entrambi pluripregiudicati, per ricettazione in concorso tra loro.

I due sono stati notati dagli operatori di una volante, mentre transitavano in sella ad una bici elettrica sotto i portici di Sottoripa. Alla vista della Polizia sono scesi dal mezzo abbandonandolo per terra e dandosi alla fuga. Entrambi gli agenti si sono messi immediatamente all’inseguimento, riuscendo a raggiungere e bloccare i due fuggitivi in pochi attimi. Da un successivo controllo è emerso che il velocipede è di proprietà di un genovese che non si era ancora accorto del furto.

Controlli della Polizia genovese nelle zone “rosse”

Genova, ieri

Capillari e costanti i controlli effettuati dalla Polizia genovese nelle zone interessate dalle recenti disposizioni per il contrasto della diffusione del Covid19 e per la repressione dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare ieri, a partire dalle prime ore del mattino e per tutta la notte, sono state monitorate le zone del centro storico di competenza e, in fascia pomeridiana e serale, anche quelle di Sampierdarena, Cornigliano e Certosa. Il servizio è stato svolto dai poliziotti del Commissariato Centro, Prè e Cornigliano, del Reparto Mobile, del Reparto Prevenzione Crimine Liguria, da operatori della Questura, da una squadra cinofili dell’U.P.G., coadiuvati da personale della Polizia Municipale e da militari dell’E.I.

Complessivamente, nel centro storico, sono state identificate 45 persone, di cui 2 sono state segnalate perché non indossavano la mascherina ed una perché trovata in possesso di sostanza stupefacente per uso personale. Sono stati inoltre sequestrati a carico d’ignoti 26 barrette di cannabis per un peso complessivo di 15 grammi, rinvenute in una serranda di piazza Pellicceria. Infine, un genovese di 35 anni, pluripregiudicato, è stato segnalato per la violazione del Divieto di Ritorno nel Comune di Genova per almeno 3 anni, emesso dal Questore della Provincia pochi giorni fa.

Nella zona del ponente sono stati controllati due esercizi commerciali, i cui avventori indossavano correttamente i dispositivi di protezione e sono stati effettuati numerosi passaggi nelle vie dove si registrano abitualmente maggiori assembramenti. Identificate complessivamente 48 persone.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X