Entra in contatto con noi

Cronaca

Genova: violenza e minacce nei confronti dei familiari, arrestato un quarantenne

Pubblicato

il

La Polizia di Stato di Genova ha arrestato un uomo di quarant’anni per lesioni personali.

Ieri sera una donna ha richiesto l’intervento delle forze dell’ordine poiché dalla finestra della propria abitazione aveva assistito all’aggressione inflitta dal fratello nei confronti di suo marito.

L’episodio di violenza ha avuto origine con delle minacce verbali che il quarantenne, in evidente stato di ubriachezza, urlava dalla strada all’indirizzo della sorella, la quale si era limitata a sporgersi dalla finestra insieme al figlio. La situazione è degenerata, poi, a seguito dello scontro tra il marito della signora, sceso in strada per spostare l’auto, e il fratello che ancora alterato lo ha colpito prima con un pugno ad un occhio e poi addirittura con alcune pietre.

Al loro arrivo gli agenti hanno intercettato l’uomo ancora nei pressi dell’abitazione della sorella intento a scagliarsi nuovamente contro il cognato.

La donna ha riferito quindi ai poliziotti che purtroppo non si trattava di un fatto isolato ma che le minacce erano iniziate già un anno prima a seguito della separazione del fratello che la riteneva colpevole della sua crisi coniugale.

L’uomo è stato condotto  in Questura dove è stato anche denunciato per  atti persecutori e  sanzionato  per ubriachezza.

Il Pm ha disposto per stamattina la direttissima.

Vacanza finita in arresto per un uomo in soggiorno a Genova.

La Polizia di Stato di Genova ha eseguito un mandato di arresto europeo per tentato furto aggravato nei confronti di un uomo di 48 anni.

Nella scorsa mattinata gli operatori del Commissariato San Fruttuoso, a seguito della segnalazione proveniente da una nota struttura alberghiera, hanno interrotto bruscamente la vacanza di un cliente dello stesso hotel.

L’uomo, destinatario del mandato di arresto emesso da autorità tedesche, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Marassi a disposizione del Presidente della Corte d’Appello.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X