Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Alessandria

Prefettura di Alessandria, un’app per facilitare l’accesso dell’utenza straniera ai servizi offerti sul territorio

Pubblicato

il

’La provincia di Alessandria è tra le prime in ltalia ad avere implementato una applicazione simile” afferma il Prefetto Francesco Zito, il quale invita a scaricare e diffondere l’APP, anche per facilitare I’ulteriore inserimento di servizi e informazioni da parte degli enti che, a vario titolo, si occupano della gestione dei soggetti stranieri sul territorio.

È stata presentata mercoledì 13 aprile, in occasione del secondo Consiglio Territoriale per l’immigrazione tenuto dal Prefetto, l’APP Agoral sviluppata daII’Area IV della Prefettura di Alessandria, diretta dal Dott. Francesco Farina, in collaborazione con APS Cambalache e Associazione Cultura e Sviluppo, nell’ambito del Progetto omonimo sostenuto dal Fondo Asilo Migrazione e Integrazione (FAMI 2014-2020).

L’APP, già scaricabile e compatibile con Apple e Android, è stata realizzata con I’obiettivo di facilitare l’accesso dell’utenza straniera ai servizi offerti sul territorio attraverso un sistema di guide di aiuto allo svolgimento delle più comuni pratiche amministrative e una mappatura con geo-localizzazione dei servizi rivolti ai migranti della Provincia di Alessandria. lnoltre, è stato previsto un sistema di news (con notifiche in-app) sulle principali novità che riguardano i cittadini stranieri.

La mappatura conta, ad oggi, circa 250 servizi, forniti da: enti pubblici, ETS, enti religiosi, sindacati e patronati, liberi professionisti, aziende private, fondazioni, società a partecipazione pubblica, agenzie per il lavoro, associazioni di categoria, gruppi informali. I contenuti dell’APP sono stati tradotti in dieci lingue oltre alI’italiano: francese, inglese, spagnolo, ucraino, cinese, farsi, russo, arabo, albanese, bangladese.

Nella stessa occasione è stato avviato il tavolo permanente di contrasto al caporalato e al Iavoro nero nei settori dell’agricoltura e dell’edilizia. Il tema è stato introdotto ai presenti prima dal sig. Prefetto e dal Dirigente delI’Ufficio Immigrazione della Prefettura e, successivamente, dalla dott.ssa Micozzi deIl’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), la quale ha esposto gli interventi effettuati in provincia congiuntamente aIl’Ispettorato Territoriale del Lavoro e alle Forze dell’ordine negli anni 2020- 2021. Tali interventi hanno permesso di individuare la presenza di 51 Iavoratori irregolari, di cui 40 senza contratto e 2 lavoratori clandestini.

Il tavolo permanente, che riunirà l’lspettorato Territoriale del Lavoro, le Forze dell’ordine, gli enti del terzo settore che si occupano di migranti e le organizzazioni sindacali datoriali e dei lavoratori, ha l’obiettivo di potenziare la rete territoriale per la rilevazione e prevenzione del fenomeno, coordinando a livello territoriale le azioni previste da progetti regionali e nazionali.

“Il Iavoro nero e il caporalato — ha concluso il Prefetto sono fenomeni di cui non é possibile conoscere con precisione l’entità, ma il lavoro sinergico per l’inclusione sociale è fondamentale al fine di prevenire ogni forma di sfruttamento“.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X