Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Sanità

Coronavirus, Fornaro: “Piemonte meglio ma ancora sopra media nazionale”

Pubblicato

il

ITALIA – Riceviamo e pubblichiamo da Federico Fornaro, capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera.

Nei primi cinque giorni dall’inizio della fase 2, la diffusione del coronavirus prosegue il suo rallentamento, anche se resta ancora peggiore della media nazionale. Se si raffronta il dato del numero dei casi totali di venerdì 8 maggio con l’ultima rilevazione del periodo del lockdown (domenica 3 maggio), si osserva che in Italia la crescita è del 3,1%, pari a 6.468 pazienti, mentre quella del Piemonte è maggiore: 3,4% (938 pazienti). L’incidenza del Piemonte sui casi totali Italia cresce di un’inezia: dal 13,0% al 13,1%. Di converso rispetto ai nuovi casi totali giornalieri la quota del Piemonte sul totale Italia scende leggermente da 18,1% al 17,6%.

A livello delle singole province la crescita dei casi totali dal 3 all’8 maggio, invece, è maggiore della media nazionale e regionale a Torino (3,8%), Cuneo (3,7%), Alessandria (+3,6%) e inferiore a Novara (3,0%), Asti (2,9%), Biella e Vercelli (2,2%), mentre ultima, la migliore, è la provincia del Vco con un +1,6%, pari a soli 17 nuovi casi in assoluto. L’epidemia Covid 19 sta perdendo di intensità anche in Piemonte, grazie anche alle misure restrittive che sono costante molti sacrifici a cittadini e imprese, che vanno ringraziati. Non bisogna assolutamente però abbassare la guardia e occorre intensificare e migliorare la gestione dei tamponi – su cui purtroppo continuano ad arrivare segnalazioni di ritardi e disfunzioni – per un efficace monitoraggio dei focolai domestici e conseguente contenimento della pandemia.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X