Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Politica

Ravetti (PD): “Chiesti 5 milioni per emergenza alluvione”

Pubblicato

il

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO COMUNICATO STAMPA DI DOMENICO RAVETTI:

“Si può fare di più e meglio. Nell’assestamento di bilancio non troviamo un solo segnale di natura sociale ed economica che incontri le esigenze dei piemontesi. Per questo il Pd presenterà 250 emendamenti ed auspichiamo una discussione seria”: così dichiara il Capogruppo Pd Domenico Ravetti presentando le proposte del Partito democratico all’assestamento del Bilancio 2019-2021 della Regione Piemonte. Alla conferenza stampa sono intervenuti il Segretario regionale Paolo Furia e i consiglieri Alberto Avetta, Monica Canalis, Sergio Chiamparino, Raffaele Gallo e Domenico Rossi.

Domenico Ravetti

“Continuiamo ad assistere all’immobilismo di Cirio e della sua Giunta. Abbiamo fatto bene qualche settimana a sollevare la questione del riutilizzo dei 200 milioni di Finpiemonte, perché il programma di investimenti che doveva essere concluso nel 2019 viene spalmato ora in tre annualità. Il che significa ritardare un’iniezione di risorse di cui il mondo delle imprese necessita subito. Per questo chiederemo un’accelerazione del piano di investimenti e di spostare 56 milioni dal 2021 al 2020, come segnale per quei settori strategici dell’economia piemontese che versano in difficoltà”. “Inoltre, a seguito degli eventi alluvionali che hanno colpito diversi territori della nostra Regione, presenteremo un emendamento che prevede lo stanziamento di 5 milioni di euro per consentire ai Comuni di affrontare l’emergenza del dissesto idrogeologico”. “Siamo poi preoccupati per come la maggioranza sta affrontando il tema delle fragilità sociali. Dobbiamo garantire certezze sugli extra Lea e gli assegni di cura, certezze che oggi non ci sono. Per questo chiediamo di incrementare il capitolo delle fragilità sociali di 18 milioni di euro”. “E poi, basta con le incertezze sulla realizzazione della Città della Salute di Novara. Sull’edilizia sanitaria della nostra Regione, da Novara a Torino passando per il Vco e l’Aslto5, è il momento delle scelte e dell’assunzione di responsabilità”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X