Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Covid-19, in provincia di Alessandria circa 750 controlli al giorno

Pubblicato

il

ALESSANDRIA – Questa mattina, sabato 28 novembre, si è tenuta, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto Iginio Olita, per valutare le conseguenze dell’imminente passaggio del Piemonte di domani, domenica 29 novembre, a “zona arancione”.

chiusura temporanea degli Sportelli Unici per l’Immigrazione

Il passaggio a zona arancione comporterà la riapertura di tutte le attività commerciali al dettaglio, dei mercati e dei servizi alla persona, ferma restando la chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi. Tutti i componenti del Comitato hanno invitato la popolazione ad evitare assembramenti e a continuare a rispettare con la massima prudenza le regole di prevenzione sanitaria, e hanno richiamato la responsabile attenzione degli esercenti sulla rigorosa attuazione delle normative e delle linee guida in vigore per ciascuna attività.

I Responsabili delle Forze di Polizia hanno assicurato la prosecuzione delle mirate attività di vigilanza, che nei giorni scorsi hanno comportato in media, a livello provinciale, il controllo quotidiano di 600 persone e 150 esercizi commerciali, con una media di sanzioni pari a 10, a testimonianza del senso di responsabilità della gran parte della cittadinanza e dell’equilibrio con il quale i controlli vengono esercitati.

Il Sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, ha inoltre richiamato l’attenzione sul sito del Comune nel quale, ogni giorno, vengono pubblicati i dati sull’andamento dei contagi.

È stato infine valutato positivamente il rafforzamento, in vista della stagione invernale, degli alloggi temporanei per i senza fissa dimora in Comune di Alessandria, grazie alla collocazione di ulteriori 4 tende con 24 posti letto, fornite dal Ministero dell’Interno tramite la Prefettura di Alessandria. L’accoglienza verrà gestita dal Comune in accordo con il CISSACA, l’ASL e le Organizzazioni del terzo settore.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X