Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cronaca

La schiuma del Tanaro dovuta a un difetto nell’impianto di depurazione

Pubblicato

il

ALESSANDRIA – Da diversi giorni chi si trova a passare lungo il ponte Forlanini sta notando il deposito di schiuma lungo una sponda del fiume Tanaro. Un fenomeno, ha spiegato Amag reti idriche, che deriva dal cattivo funzionamento dell’impianto di depurazione, per il quale sono stati stanziati più di 4milioni, al fine di portare il sito al massimo delle sue potenzialità.

La vista del Tanaro dal Ponte Forlanini

La notizia è comparsa sui social e in breve tempo ha fatto il giro di centinaia di persone, che allarmate, hanno testimoniato come quella schiuma lungo una sponda del fiume Tanaro ad Alessandria, l’avessero vista anche loro, passando da quelle parti.

Una schiuma bianca, a detta di molti abitanti che al mattino fa anche fuoriuscire un odore nauseabondo e che è attualmente all’attenzione di Amag reti idriche, i cui addetti in queste ore stanno lavorando in zona Orti, all’altezza del ponte Forlanini, per riuscire ad abbattere gli inquinanti, così come impone la legge.

“Il depuratore di Alessandria Orti è al servizio della città da molti decenni – ha scritto in una nota l’amministrazione comunale – l’impianto nella sua attuale configurazione è rispettoso dei disposti normativi degli anni in cui fu costruito e AMAG ha deciso di investire 4milioni 470mila  euro per portare l’impianto al massimo delle sue potenzialità e trattare nel miglior modo possibile i 16.500 metri cubi al giorno di reflui che vengono recapitati nella rete fognaria”.

Nel corso dei mesi, assicura Amag reti idriche, entreranno in funzione le nuove linee di trattamento e inizieranno i lavori di manutenzione di quelle esistenti per arrivare alla completa revisione dell’impianto.

Ma nel frattempo i lavori stanno causando i cosiddetti riflessi negativi sulla capacità di depurazione. Da qui la schiuma bianca, derivante dai problemi dell’impianto, di smaltire detergenti e detersivi usati dagli abitanti della zona.

Nel corso dei prossimi mesi tutto dovrebbe tornare alla normalità, con le scuse di Amag reti idriche, per i disagi che si stanno verificando

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X