Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Novi Ligure: Polizia Penitenziaria sventa fuga di un detenuto ricoverato in ospedale

Pubblicato

il

NOVI LIGURE – Sventata la fuga di un detenuto del Don Soria di Alessandria, ricoverato all’ospedale San Giacomo di Novi Ligure, che ha tentato di lanciarsi dal secondo piano durante un cambio turno degli agenti.

Coronavirus Novi Ligure

“Il detenuto” ha spiegato Vicente Santilli, segretario regionale per il Piemonte del SAPPE, “mentre c’era a mezzanotte il cambio turno della scorta di Polizia Penitenziaria ha chiesto di andare in bagno e poi si è improvvisamente lanciato dalla finestra. Per fortuna, tre agenti sono corsi subito a fermalo mentre il quarto monitorava dalla finestra i movimenti del ristretto”. “Il SAPPE”, conclude, “accusa ancora una volta l’Amministrazione Penitenziaria di scarsa attenzione sulla problematica dei detenuti ricoverati che sta rendendo il lavoro della Polizia Penitenziaria sempre più difficile: quanto accaduto questa notte nell’ospedale di Novi Ligure deve far capire ancora di più come e quanto è particolarmente stressante il lavoro in carcere per le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria e dei Nuclei Traduzioni e Piantonamenti che svolgono quotidianamente il servizio con professionalità, zelo, abnegazione e soprattutto umanità, pur in un contesto assai complicato per il ripetersi di eventi critici”.

Donato Capece, segretario generale del SAPPE, ha parole di elogio per i poliziotti del Don Soria di Alessandria che hanno sventato la clamorosa evasione: “È solamente grazie a loro se è stato possibile sventare la clamorosa fuga all’evaso: la pronta reazione ed il tempestivo intervento degli uomini della Polizia Penitenziaria di scorta hanno infatti permesso di sventare il grave evento. Una cosa grave, che poteva creare ulteriori seri problemi alla sicurezza e all’incolumità dei poliziotti, dei detenuti e dei cittadini che in quel momento si trovavano nell’ospedale. Ma la grave vicenda porta alla luce le priorità della sicurezza (spesso trascurate) con cui quotidianamente hanno a che fare le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria”. Capece denuncia “una volta di più le quotidiane difficoltà operative con cui si confrontano quotidianamente le unità di Polizia Penitenziaria in servizio nei Nuclei Traduzioni e Piantonamenti dei penitenziari: agenti che sono sotto organico, non retribuiti degnamente, con poca formazione e aggiornamento professionale, impiegati in servizi quotidiani ben oltre le 9 ore di servizio, con mezzi di trasporto dei detenuti spessissimo inidonei a circolare per le strade del Paese, fermi nelle officine perché non ci sono soldi per ripararli o con centinaia di migliaia di chilometri già percorsi”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X