Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Novi: si al Mercato, ma solo gli alimentari

Pubblicato

il

AGGIORNAMENTO ORE 7

Alla fine, il Mercato dell’abbigliamento di piazza XX settembre oggi non si terrà, ma sarà “operativo” solo quello dedicato agli alimentari. Una decisione presa dal Sindaco e dal Comune novese in seguito alla conferenza straordinaria tenuta nella serata di ieri dal Premier Giuseppe Conte, ma anche a causa delle forte polemiche dei cittadini novesi scoppiate sulla pagina Facebook ufficiale del Comune.

Si stanno scatenando i commenti negativi dei cittadini di Novi Ligure contro la decisione del Comune di far svolgere regolarmente il mercato di via XX settembre nella giornata di domani, giovedì 12 marzo. Di seguito, la dichiarazione del Sindaco Gian Paolo Cabella sulla pagina Facebook del Comune di Novi Ligure:

Non è facile in questi tempi di Coronavirus prendere delle decisioni.
E noi Sindaci molto spesso siamo anche più in difficoltà di altri, perché da un lato (giustamente) le competenze emergenziali sono riservate alle autorità nazionali/regionali, mentre dall’altro (altrettanto giustamente) continuiamo a rimanere i punti di riferimento dei nostri cittadini.
Mercoledì scorso, nel pomeriggio, su raccomandazione del Coordinatore regionale della crisi, con un’ordinanza praeter legem (per provare a parlare forbito), mi sono assunto la responsabilità di sospendere il mercato comunale, scatenando ogni genere di reazione, lamentela ed accusa.
Oggi, a distanza esattamente di una settimana, a fronte di una discussione in atto molto concitata e di nuove norme che non hanno fatto chiarezza sul punto, ho deciso di procedere con un’altra soluzione, vale a dire quella di cercare di “gestire” al meglio il mercato attraverso la nostra polizia locale e la protezione civile, al fine di prevenire gli assembramenti ed i contatti tra le persone.

Non c’è incoerenza in ciò, e neppure una diversa visione della questione, ma semplicemente il difficile tentativo di gestire al meglio una situazione emergenziale che cambia di giorno in giorno.
Mi sento in dovere, però, anche alla luce purtroppo della mia lunga esperienza, di far presente che, malgrado le incertezze e i tanti interessi, pubblici e privati, in campo, dobbiamo aver ben chiaro che il primo interesse da tutelare è quello della salute e che questa tutela non può essere perseguita, in questo momento, senza il sacrificio di altri interessi.
Quindi, invito tutti i cittadini novesi a uscire di casa, anche per andare al mercato, solo in caso di necessità, ovverosia solo qualora si debbano fare cose che non possano essere assolutamente rinviate.
Mi appello in questo modo, ancora una volta, al senso di responsabilità di ognuno. Grazie.

Il Sindaco
Gian Paolo Cabella

1 Commento

1 Commento

  1. Patrizia Castiglioni

    12 Marzo 2020 14:03 at 14:03

    Ma che vergogna!!! In un momento in cui tutti dobbiamo rinunciare alle nostre abitudini, dobbiamo uscire solo in casi di assoluta necessità, abbiamo bisogno di una autocertificazione per i nostri spostamenti , viviamo in un modo che non avremmo mai immaginato, ecco,in un momento come questo, cosa succede a Novi? Non sappiamo rinunciare al mercato settimanale che prontamente si presenta in via Garibaldi per la gioia dei novesi!!!!! E il sindaco non se la sente di negare questa passerella settimanale frequentata per lo più da persone che , per età, dovrebbero assolutamente restare a casa. Bell’esempio di rispetto delle regole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X