Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Al Disit convegno scientifico “A 25 anni dall’alluvione del Piemonte 1994”

Pubblicato

il

ALESSANDRIA – Tra gli avvenimenti previsti in questi giorni per i 25 anni dell’alluvione del Tanaro in Piemonte, oggi per tutto il giorno si è tenuto un convegno scientifico d’approfondimento, aperto al pubblico, nell’aula magna del Disit, il Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica dell’Università del Piemonte Orientale. Relatori molti professori e ricercatori, da tutta Italia, riconosciti tra i massimi esperti nei campi della meteorologia, dell’ingegneria idraulica, modellistica previsionale, dell’Arpa, della Protezione Civile e della medicina che si occupa delle conseguenze sanitarie che seguono gli eventi alluvionali.

Il servizio andato in onda nel nostro TG

Un dibattito coordinato dal Prof. Enrico Ferrero dell’Upo, con studi e dimostrazioni a confronto per valutare i progressi nell’ambito delle emergenze dovute alle condizioni Meteo. Il pomeriggio è stato dedicato all’evoluzione nel campo della modellistica idrologica previsionale.

Al mattino, introduzione del professor Enrico Ferrero gli interventi:  Dino Zardi (AISAM e Università di Trento), La meteorologia in Italia oggi: situazione, opportunità e prospettive; Renata Pelosini (ARPA Piemonte), L’inquadramento dal punto di vista meteorologico dell’evento alluvionale; Fabio Luino (IRPI – CNR), L’evento alluvionale del 5-6 novembre 1994 lungo il bacino del Tanaro; Carlo Cacciamani (Dipartimento della Protezione Civile), Il sistema della protezione civile per gli eventi alluvionali; Francesco Della Corte (CRIMEDIM, UPO), Le conseguenze di interesse sanitario negli eventi alluvionali; Gianpaolo Balsamo (ECMWF), Progresso delle previsioni meteorologiche alla scala globale e prospettive future; Federico Grazzini (Meteorological Institute, München/ Arpae Bologna), Classificazione degli eventi di precipitazione estrema sul centro-nord Italia e precursori a grande scala; Giorgio Melchioni (Coordinamento Protezione Civile Provincia di Alessandria), Il volontariato della Protezione Civile di Alessandria.

La sessione pomeridiana, dalle 14.00, si concentrerà sul Confronto tra le simulazioni dell’evento alluvionale fatte con i modelli odierni e quelle fatte con i modelli di allora. Presiederà Roberto Buizza (Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa). Interverranno Massimo Milelli (ARPA Piemonte), Modellistica ad area limitata italiana: COSMO; Silvio Davolio (ISAC-CNR), La modellistica previsionale del CNR; Antonio Parodi (Fondazione CIMA), La modellistica meteo-idrologica previsionale di Fondazione CIMA; Valerio Capecchi (Consorzio LAMMA), La modellistica previsionale del LAMMA; Riccardo Bonanno (RSE), Il dataset di rianalisi meteorologica MERIDA (MEteorological Reanalysis Italian DAtaset); Gianpaolo Balsamo (ECMWF), Previsione e monitoraggio dell’alluvione del Piemonte 1994 con i prodotti di informazione di ECMWF-2019; Claudio Cassardo (Università di Torino), La modellistica previsionale del Dipartimento di Fisica; Stefano Alessandrini (NCAR), Simulazioni meteorologiche ad alta risoluzione dell’alluvione del 1994; Ines Cerenzia (ARPA Emilia Romagna), Previsione per l’alluvione del ’94: performance del sistema di previsione d’ensemble ad alta risoluzione.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X