Entra in contatto con noi

Sanità

Covid: il pianeta torna indietro di 5 anni. Da lunedì vaccinazione aggiornata anti Omicron

Pubblicato

il

Si profila un autunno con un virus che fa più contagi che ricoveri: secondo gli esperti, il Covid non dovrebbe più spaventare il mondo come in passato grazie alla potente campagna vaccinale che ci ha fatto avvicinare ad una convivenza forzata, ma finalmente ora gestibile.

E se è naturalmente giusto non abbassare la guardia e continuare sulla via della prevenzione del virus, cercando di guardare avanti e di tornare a vivere la propria quotidianità, non aiuta – dal punto di vista psicologico – leggere che secondo l’Onu il Covid ha riportato il pianeta indietro di 5 anni.

Per la prima volta dalla sua creazione più di 30 anni fa, infatti, l’Indice di Sviluppo Umano è diminuito per due anni di fila, nel 2020 e nel 2021, tornando al livello del 2016. Il rapporto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite sottolinea che questo “immenso declino” riguarda più del 90% dei Paesi del pianeta e che la guerra in Ucraina potrebbe peggiorare ulteriormente la situazione. Intanto, sul fronte vaccini, arrivano gli ultimi aggiornamenti, con raccomandazione prioritariaa coloro che sono ancora in attesa di ricevere la seconda dose di richiamo”, la cosiddetta quarta dose, rivolta ad una platea di circa 15 milioni di over 60, fragili, sanitari, operatori Rsa e donne incinte.

Stessa raccomandazione agli over 12 ancora in attesa di ricevere la “prima dose di richiamo” o terza dose, “indipendentemente dal vaccino utilizzato per il completamento del ciclo primario. Questo, in sintesi, quanto scritto nella circolare del ministero della Salute, dedicata all’utilizzo dei nuovi booster adattati a Omicron, anche se la campagna vaccinale d’autunno rischia di essere una falsa partenza, perché gli italiani ancora in attesa della terza e quarta dose potrebbero decidere di aspettare ancora un po’, considerato che entro la fine di settembre sarà autorizzato il più efficace antidoto tarato sulla versione 5 di Omicron, che è poi quella ad oggi prevalente. Vaccinazioni al via dal prossimo lunedì 12 settembre, previa prenotazione tramite i siti regionali o presso farmacie e medici di famiglia che abbiano aderito alla campagna vaccinale.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X