Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Sanità

Piemonte, Icardi: “2 anni per dosi vaccino anti-Covid a tutti al ritmo attuale”

Pubblicato

il

PIEMONTE – L’assessore alla Sanità della Regione Piemonte Luigi Icardi ha fornito un aggiornamento della situazione sulla campagna vaccinale anti-Covid durante la seduta del Consiglio regionale. “In Piemonte siamo oltre l’80% delle dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate. Il collo di bottiglia è l’approvvigionamento”, ha spiegato, “Abbiamo incaricato la Società di committenza regionale (Scr) di esaminare canali alternativi: è anche un messaggio politico per dire al Governo che ai ritmi attuali ci vogliono più di due anni per vaccinare tutti. Abbiamo 700-800 casi di nuove positività giornalieri. Nelle ultime due settimane non sono cresciuti ma neppure calano. L’andamento per classi di età mostra una crescita in quelle più giovani e una diminuzione negli anziani, quest’ultima per effetto delle vaccinazioni nelle Rsa. La fascia con più contagiati è quella fra 45 e 64 anni. L’occupazione delle terapie intensive è calata a 130-140 posti occupati, quella dei letti ordinari è sui 1.870, dopo essere scesa fortemente a dicembre. Ma in entrambi i casi la decrescita è lentissima. Anche i decessi sono in riduzione, in proporzione ai contagi”.

Inoltre, da domani, venerdì 19 febbraio, inizieranno le somministrazioni dei vaccini per il personale scolastico, universitario e della formazione professionale. Il momento di avvio avrà luogo domani alle ore 15 presso l’ospedale San Giovanni Bosco di Torino (piazza del Donatore di Sangue 3), alla presenza del presidente della Regione Alberto Cirio, dell’assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi, del commissario generale dell’Unità di Crisi Vincenzo Coccolo, del commissario dell’area giuridico-amministrativa dell’Unità di Crisi Antonio Rinaudo, del direttore dell’Asl Città di Torino Carlo Picco e del direttore dell’Ufficio scolastico regionale Fabrizio Manca. Le inoculazioni del vaccino agli ultra 80enni (nati nel 1941 compresi) partiranno invece domenica 21 febbraio. La raccolta di adesioni per la nuova fase della campagna vaccinale rivolta agli over80 e al personale scolastico, universitario e della formazione professionale prosegue a pieno ritmo e ha registrato ad oggi 216.767 richieste: 48.452 dal personale docente e non docente sul portale www.ilpiemontetivaccina.it e 168.315 inserite dai medici di famiglia, sull’apposita piattaforma regionale, per i propri pazienti con più di 80 anni (inclusi i nati nel 1941).

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X