Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Sanità

Giornata mondiale dell’emofilia: le iniziative dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria

Pubblicato

il

ALESSANDRIA – In occasione della Giornata Mondiale dell’emofilia, l’Azienda Ospedaliera di Alessandria ha risposto ad alcune delle domane più comuni legate a questa rara malattia.

“Che cos’è l’emofilia?”, “Si può fare attività fisica se si è affetti da questa patologia?” oppure “Qual è la migliore profilassi?” sono solo alcune delle domande a cui Monica Amelotti, infermiera del Centro Emostasi e Trombosi diretto da Roberto Mario Santi ha risposto in un video disponibile sul canale YouTube dell’Azienda Ospedaliera.

L’emofilia, nello specifico, è una malattia rara di origine genetica che porta problemi legati alla coagulazione e si manifesta nei soggetti maschili, in quanto le donne sono portatrici sane. Nelle persone affette da questa patologia il Fattore VIII (associato all’emofilia A) e il Fattore IX (associato all’emofilia B) sono carenti o presentano un difetto funzionale.

A fianco alle indicazioni cliniche legate alla profilassi e alla terapia, i pazienti seguiti dal Centro Emostasi e Trombosi possono seguire anche altre utili indicazioni volte a implementare la qualità di vita, come ad esempio la promozione del movimento e dell’esercizio fisioterapico.

Grazie allo screening ecografico e a un’attività fisica costante, oggi è possibile evitare e prevenire problemi articolari e perdita di mobilità: garantire un’adeguata protezione con la profilassi, infatti, è la strategia migliore per ridurre i sanguinamenti e mantenere in buone condizioni scheletro e muscoli.

«Sulla base di questi principi – ha spiegato Monica Amelotti – nasce il progetto dell’attività di nordic walking, che unisce le virtù della fisioterapia con i benefici della camminata, promuovendo e sviluppando la cultura e la disciplina del cammino in tutte le sue forme, migliorando la coordinazione, l’equilibrio, il tono muscolare».

Un interessante progetto che si attiverà in autunno e che è stato condiviso con l’URPS – Unità di ricerca delle professioni sanitarie, il settore afferente al DAIRI – Dipartimento Attività Integrate Ricerca e Innovazione, diretto da Antonio Maconi.

È infine da ricordare che l’emofilia è una delle linee di ricerca dell’Unit Disease (cioè un’unità elementare di medicina traslazionale che ha come obiettivo l’interazione tra la ricerca di base e la ricerca clinica sulle malattie emorragiche e trombotiche), coordinata da Roberto Mario Santi e attivata con l’Università del Piemonte Orientale.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Post AD
X