Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Sanità

È terza ondata Covid in Italia, il Piemonte resta arancione

Pubblicato

il

C’è un premier israeliano – Benjamin Netanyahu – che ha annunciato che tutta la popolazione israeliana sarà vaccinata entro marzo, potendosi così permettere di archiviare la pandemia.

E c’è un presidente del consiglio italiano – Mario Draghi – che blocca l’export di 250.000 dosi di vaccino anti Covid Astrazeneca verso l’Australia. Il fatto, sotto gli occhi di tutti, è che in Italia le campagna di vaccinazione non solo va a rilento ma scarseggiano le forniture.

In Piemonte, che spunterà un’altra settimana in zona arancione, il responsabile per la parte giuridica e amministrativa dell’Unità di Crisi, Antonio Rinaudo ha affermato che, se le cose andranno secondo le previsioni, entro dicembre questa regione riuscirà a vaccinare tutti, almeno con la prima dose.

Un’affermazione che non rincuora, considerato che è boom di contagi e che aumenta il numero dei sintomatici e cominciano a risalire i posti letto occupati in terapia intensiva, che arrivano vicino alla soglia di guardia del 30%. Ancora ieri sera, nel Vercellese, è stato blindato il paese di Crescentino: sale così a 23 il numero dei Comuni piemontesi in zona rossa: lo erano già i 7 Comuni della Val Vigezzo, i 12 della Valle Po, nel Cuneese, e nel Torinese Cavour, Bricherasio e Scalenghe.

È un dato di fatto che la curva dei contagi sia al rialzo in tutto il Paese, con un tasso di positività al 6,7%, in crescita dello 0,9%. In giornata verranno forniti i dati del Comitato Tecnico Scientifico. Molto improbabile che il Piemonte, dove l’indice Rt è a 1,15, (sotto quindi la soglia dell’1,25 che fa scattare le misure più drastiche) da lunedì si tinga di un altro colore. Lo ha affermato anche il governatore Alberto Cirio, a margine del suo roadshow che fa tappa oggi ad Alessandria.

Intanto è certo che dall’8 marzo in tutta la regione le scuole dalla seconda media compresa in su – come ha annunciato l’assessore piemontese alla Sanità Luigi Icardi – sarà didattica a distanza al 100%. La vicina Liguria, la prossima settimana, resterà in zona gialla, Ponente escluso.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X