Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Sanità

Coronavirus Piemonte: 1191 i decessi (223 nell’Alessandrino) e 434 guariti

Pubblicato

il

TORINO – Coronavirus: gli aggiornamenti dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte relativi alla giornata di oggi, domenica 5 aprile, riguardo a decessi, guarigioni e contagi.

I GUARITI

434 guariti e 618 in via di guarigione. L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che il numero di pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, è di 434 (92 in più di ieri, dato in assoluto migliore dall’inizio), cosi suddiviso su base provinciale: 26 Alessandria, 23 Asti, 17 Biella, 41 Cuneo, 22 Novara, 245 Torino, 27 Vercelli, 23 Verbano-Cusio-Ossola, 10 provenienti da altre regioni. Altri 618 sono “in via di guarigione”, ossia negativi al primo tampone di verifica dopo la malattia e in attesa ora dell’esito del secondo.

Si tratta del miglior dato sulle guarigioni dall’inizio dell’emergenza.

I DECESSI

Sono 47 i decessi di persone positive al test del Coronavirus comunicati nel pomeriggio dall’Unità di Crisi: 4 in provincia di Alessandria, 5 in provincia di Asti, 3 in provincia di Biella, 2 in provincia di Cuneo, 6 in provincia di Novara, 21 in provincia di Torino, 1 in provincia di Vercelli, 3 nel Verbano-Cusio-Ossola, 2 provenienti da altra regione.

Il totale è ora di 1191 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi su base provinciale: 223 Alessandria, 57 Asti, 87 Biella, 78 Cuneo, 139 Novara, 464 Torino, 60 Vercelli, 61 nel Verbano-Cusio-Ossola, 22 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte.

I CONTAGI

Sono 12.442 (+603 rispetto a ieri) le persone finora risultate positive al “Covid-19” in Piemonte: 1.778 in provincia di Alessandria, 598 in provincia di Asti, 574 in provincia di Biella, 1080 in provincia di Cuneo, 992 in provincia di Novara, 6018 in provincia di Torino, 606 in provincia di Vercelli, 566 nel Verbano-Cusio-Ossola, 178 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 442. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 40.638, di cui 24.201 risultati negativi.

LA SITUAZIONE NELLE CASE DI RIPOSO

Per quanto riguarda gli esami da effettuare nelle case di riposo, la Regione abbandona la strada dei test sierologici e sceglie di effettuare i tamponi su ospiti e operatori in caso di accertata positività al Coronavirus di uno di essi.

La decisione deriva dalla presa d’atto del pronunciamento del Ministero della Salute, secondo cui i test rapidi basati sull’identificazione di anticorpi IgM e IgG non sono utilizzabili per la diagnosi del Covid19. “Sono valutazioni – commenta l’assessore alla Sanità, Luigi Genesio Icardi – che peraltro confermano la linea prudenziale seguita dall’Unità di Crisi, secondo cui, alla luce della sperimentazione compiuta in due residenze sanitarie piemontesi e in base alle prime analisi del professor Dianziani ed in perfetta rispondenza agli studi pubblicati in materia dall’ospedale Amedeo di Savoia, l’utilizzo dei test ai fini diagnostici era già stato escluso, in quanto ritenuto valido solo per eseguire in tempi molto rapidi una campionatura allargata e di massima, subordinata a specifiche validazioni dei casi dubbi attraverso il tampone. A fronte di queste ulteriori considerazioni, è chiaro che l’unica alternativa praticabile rimane il ricorso all’esame virale dai tamponi nasofaringei, secondo i protocolli indicati dall’Oms”. Per non farsi trovare impreparata e in attesa della validazione del Ministero, la Regione aveva provveduto ad un primo ordinativo di 50.000 test sierologici, che è stato immediatamente annullato.

Ma l’incremento delle potenzialità di lavoro dei laboratori analisi, passati da due a 18 con la capacità di processare fino a 4.000 tamponi al giorno, e il fatto che molto presto, grazie alla sinergia con le Università, si potranno produrre in proprio anche i reagenti per i test, permetterà, rileva Icardi, “di agire sempre più efficacemente anche nelle case di riposo: in caso di accertata positività di un ospite o di un operatore, oltre alle necessarie prescrizioni clinico-diagnostiche, la Direzione sanitaria regionale ha disposto di procedere alla verifica virologica tramite tampone su tutti gli ospiti e operatori della stessa struttura risultata contaminata dal virus, fermo restando i casi di necessità, come accumularsi di campioni da analizzare con ritardi nella risposta, carenza di reagenti, impossibilità di stoccaggio dei campioni in modo sicuro, sovraccarico lavorativo del personale di laboratorio, che potrebbero giustificare il ricorso ai criteri di priorità raccomandati dall’Oms e dalla Eucomm, secondo la circolare del Ministero della Salute”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X