Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Liguria

Ucraina, Presidente Toti: “Oggi presi in carico 167 cittadini ucraini. Il 40% sono minori”

Pubblicato

il

Un altro 40% è rappresentato da donne. Al lavoro per un piano di accoglienza studiato sulle loro esigenze

GENOVA. “Sono 167 i cittadini ucraini presi in carico oggi in Liguria, 22 in Asl1, 69 in Asl2, 55 in Asl3, 10 in Asl4 e 11 in Asl5. I codici emessi di ‘straniero temporaneamente presente’ sono stati invece 97, 118 i tamponi e 21 i vaccini anti Covid effettuati. In totale sono 3.288 gli ucraini presi in carico attraverso le nostre Asl dallo scoppio della guerra, con 2663 STP emessi, 3029 tamponi effettuati e 337 vaccini”. Così il presidente di Regione Liguria e commissario delegato a coordinare l’accoglienza dei profughi in Liguria Giovanni Toti.

“In proiezione di numeri più ampi stiamo lavorando per unificare il più possibile tutti i serviziha aggiunto il presidente Toti -, dai tamponi ai vaccini, fino all’accoglienza che è a carico delle Prefetture e ai permessi di soggiorno che dipendono invece dalle Questure. In ogni caso al momento i nostri Info Point ci permettono di gestire in maniera adeguata tutte le richieste che ci arrivano giornalmente, anche se siamo comunque pronti ad aumentare i posti destinati all’accoglienza. Tutti i nostri assessorati sono al lavoro per rendere l’accoglienza ancora più efficiente, non solo dal punto della Protezione Civile ma anche da quello sanitario, edile e di inserimento scolastico per i bambini e i ragazzi che rappresentano un ampio numero degli arrivi. La media dell’età delle persone accolte in Liguria, infatti, è pressoché uguale a quella del resto del paese con il 40% dei profughi rappresentato da donne e un altro 40% rappresentato da minori”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X