Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Economia

Conto alla rovescia per la raccolta di Barbera, Grignolino e altri vini casalesi

Pubblicato

il

“Il Monferrato Casalese è la zona della provincia di Alessandria che per ultima vendemmia i suoi vini rossi: Barbera, Grignolino, Rubino di Cantavenna, Gabiano. Si conclude così l’iter della raccolta delle uve del nostro territorio. La vinificazione – il processo di trasformazione dell’uva in vino – prosegue nelle cantine con tempi variabili. L’attenzione, la cura e la dedizione delle nostre imprese vitivinicole continua anche in questa fase, che termina con l’imbottigliamento e l’affinamento in bottiglia, prima della messa in commercio e l’arrivo sulle tavole dei consumatori ha affermato il presidente di Confagricoltura Alessandria, Luca Brondelli di Brondello.

BARBERA GRIGNOLINO RUBINO DI CANTAVENNA E GABIANO

Confagricoltura Alessandria ha sentito Filippo Mobrici, presidente del Consorzio Barbera d’Asti e vini del Monferrato, che ha commentato: “La quantità sarà leggermente superiore rispetto allo scorso anno (nel quale scarseggiava), quindi quest’anno sarà nei canoni normali. In generale, l’annata presenta una buona sanità delle uve e una sana vegetazione. La qualità, quindi, dovrebbe essere altrettanto buona”.

Circa le problematiche fitopatologiche e tecniche specifiche dell’annata 2020, Mobrici sottolinea il fatto che i nostri viticoltori si sono dimostrati negli anni professionisti, che ritengono fondamentale l’aspetto sanitario. A suo avviso, dove c’è una viticoltura fatta professionalmente è difficile trovare marciumi o peronospora. Negli ultimi anni lo stesso sostiene che vi siano stati miglioramenti in proposito.

A riguardo del reperimento di manodopera per la vendemmia segnalate dei tuoi associati, Mobrici ha dichiarato: “Con le chiusure dei paesi fornitori di manodopera qualificata (macedone, rumena, albanese), questa è mancata in momenti cruciali della stagione e in parte durante la vendemmia. Ci aspettavamo che fossero attivati i corridoi verdi. La campagna deve essere professionale ed è quindi necessaria manodopera professionale. Per i vini rossi spero che non ci siano problemi, anche perché le regioni limitrofe nello stesso periodo raccolgono la frutta”.

Confagricoltura Alessandria ha poi chiesto al Presidente del Consorzio del Barbera d’Asti e vini del Monferrato quale sia la situazione del mercato relativamente alle rispettive denominazioni (giacenze comprese) e i riflessi Covid sulle vendite. “In generale le nostre denominazioni hanno tenuto. In alcuni casi c’è stato un ridimensionamento di vini importanti. Se i vini sono stati collocati nella grande distribuzione, piuttosto che in HO.RE.CA. o in altri canali, ovviamente la remunerazione all’origine è inferiore. In parte i dati, però, ci confortano: le vendite sono buone, ma il valore è inferiore rispetto al passato. Ci auguriamo che l’autunno sia meno peggio della primavera e che tutte le attività collegate al vino si riprendano. Le campagne hanno continuato a lavorare durante tutto il periodo di lockdown, per cui un plauso ai nostri viticoltori” ha concluso Mobrici.

Confagricoltura Alessandria ha anche sentito il Consorzio Colline del Monferrato Casalese, che ha affermato: “La qualità delle uve è ottima, mentre la quantità risulta nella norma, forse al di sotto delle rese. Vi sono stati problemi anche rilevanti di Peronospora larvata e di Oidio, l’aumento esponenziale di Mal dell’Esca e la ripresa importante di Flavescenza dorata. Segnalo poi qualche trattamento in più del normale anche per le condizioni atmosferiche”.

Circa le problematiche di reperimento di manodopera specializzata, il Consorzio conferma la presenza di maggiori difficoltà quest’anno anche a causa della mancanza della reintroduzione governativa dei voucher, elemento necessario ed essenziale per il lavoro agricolo.

“Il mercato estero – ha riferito il Consorzio – è in flessione soprattutto dal fronte americano, ma vediamo un aumento di richiesta del nostro Grignolino anche sul mercato interno. Registriamo una perdita considerevole sul canale HO.RE.CA. La Barbera superiore necessita di tempo, quindi per ora non possiamo ancora esprimerci. Sul fronte delle nostre denominazioni, i produttori si sono sempre impegnati per mantenere un buon livello di vendita”.

I NUMERI DEL VINO PIEMONTESE

(Elaborazioni Confagricoltura su dati Regione Piemonte)

Anno 2020

Aziende (n.)             Superficie vitata (ha)

Provincia

ALESSANDRIA                                          2.390                         10.473,05

ASTI                                                              3.267                        13.925,39

BIELLA                                                            160                              212,71

CUNEO                                                         4.184                        15.643,16

NOVARA                                                         181                             511,28

TORINO                                                       1.116                             826,30

VERBANOCUSIO-OSSOLA                          23                                11,27

VERCELLI                                                      136                              197,39

10.862 aziende viticole

41.800 ettari di vigneto

20 vini docg e 41 vini doc

2,4 milioni di ettolitri di vino (produzione stimata annata 2020) per volume

complessivo di 320 milioni di bottiglie

54 cantine cooperative con circa 12.000 soci

280 imprese industriali produttrici di vini e distillati con circa 3.300 addetti

14 consorzi di tutela

Export vini piemontesi: circa 195 milioni di bottiglie (60% della produzione) per un valore stimato di 1 miliardo di euro (22% del valore complessivo dell’export agroalimentare piemontese)

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X