Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Economia

Anche le onoranze funebri sono in emergenza

Pubblicato

il

Aumentano le richieste di testamento in un momento in cui le le certezze per il futuro tentennano e gli studi notarili ricevono, in questo periodo, tante telefonate dai parenti dei malati.

Il servizio andato in onda nel nostro TG

Malati di coronavirus per i quali i loro cari stanno pregando per un rientro a casa. Malati che, quando non guariscono, muoiono in solitudine, senza l’ultimo saluto da parte dei loro affetti. Salme che, a causa dell’elevato numero di decessi e del conseguente collasso delle strutture che sarebbero deputate ad accoglierle ma che non hanno più posto, verranno collocate – come succederà nel capoluogo della Valle d’Aosta – in un hangar dell’aeroporto.

La situazione d’emergenza riguarda, poi, anche il comparto delle onoranze funebri che si trova a operare con un picco di mortalità che preoccupa e turba. Chi è impiegato in questo comparto, infatti, è altamente esposto al rischio coronavirus, non sa, al di là dei deceduti che sono risultati positivi al tampone in ospedale, se chi è morto nella propria abitazione o in casa di riposo, possa essere stato positivo o meno.

Gli operatori delle pompe funebri non hanno altresì alcun accesso ai dispositivi di protezione individuale che sarebbero  necessari e che invece sono difficili da reperire. “Ringrazio il mio personale che continua a prestare servizio con massima serietà e professionalità – spiega Marco Bagliano, titolare della Bagliano Servizi Funebri –. È un momento difficile per tutti. Vorremmo che anche il nostro settore venisse compreso e tutelato”.

La Federazione nazionale imprese onoranze funebri ha deciso, in questa fase di emergenza, di allestire le stanze adibite ad home funeraria (laddove ci siano) a uffici, poiché tutte le salme vengono portate in obitorio, dove vengono messe in attesa in una sorta di deposito e poi – a scelta della famiglia – indirizzate alla tumulazione o alla cremazione.

Anche il servizio Ponte arcobaleno – quello dedicato all’addio degli amici a quattro zampe – prosegue (laddove sia presente): gli animali, va ricordato, non si ammalano di coronavirus, ma muoiono anche loro e i padroni che vogliano usufruire di questo servizio possono informarsi e utilizzarlo.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continua a leggere
Pubblicità
Post AD
X