Entra in contatto con noi

Economia

Previsioni delle imprese piemontesi per il IV trimestre 2019

Pubblicato

il

TORINO, 10 ottobre 2019 – L’industria piemontese chiede una finanziaria che intervenga sulle urgenze economiche del paese.

imprese piemontesi
Imprese piemontesi: previsioni del IV trimestre 2019

La consueta indagine congiunturale trimestrale, realizzata da Confindustria Piemonte, segnala la perdurante debolezza del clima di fiducia, con ampie differenze settoriali e territoriali. Nel comparto manifatturiero le attese su produzione, ordini ed export restano lievemente sfavorevoli, con indicatori appena al di sotto del punto di equilibrio tra previsioni di crescita e di contrazione dell’attività. Le indicazioni delle imprese sono in linea con la fase di stagnazione descritta dai più recenti dati sull’economia italiana: PIL, produzione industriale, costruzioni, consumi.
L’indagine di settembre conferma la netta dicotomia tra settore manifatturiero e terziario. Nel terziario, infatti, le imprese esprimono ancora valutazioni decisamente ottimistiche, con indicatori allineati a quelli di giugno e marzo. Il disallineamento tra manifattura e terziario, peraltro comune ad altri paesi industriali, è ormai una costante degli ultimi mesi.
D’altra parte, anche nell’industria manifatturiera la complessiva solidità di altri indicatori sembra escludere la probabilità di recessione, almeno
nell’immediato. Restano infatti attestati su valori positivi gli indicatori
consuntivi: il tasso di utilizzo degli impianti è fermo al 75%, un livello
sicuramente elevato. Il ricorso alla CIG è senza dubbio aumentato negli ultimi trimestri ma rimane comunque contenuto. Stabili sono anche gli investimenti, programmati da un quarto delle aziende. Sostanzialmente stabili le previsioni sull’occupazione. Infine, non aumentano in misura rilevante i ritardi nei pagamenti.
A livello settoriale soffrono in particolare tessile, automotive, metallurgia ed edilizia col suo indotto. Qualche segnale di miglioramento dalla meccanica strumentale. Buone prospettive per alimentare e manifatture varie (gioielli, giocattoli, ecc.); benino la chimica, molta incertezza nella gomma-plastica.

A livello territoriale, come abbiamo anticipato, le differenze sono ampie. Da
un lato, a Cuneo, Alessandria, Novara e nel Canavese la maggioranza delle imprese esprime valutazioni favorevoli. Diverso il clima di fiducia prevalente a Torino, Vercelli, Verbania e Biella, alle prese con condizioni di mercato più problematiche.
Nel torinese la rilevazione di settembre evidenzia un deciso peggioramento
delle aspettative: i saldi ottimisti-pessimisti arretrano di una decina di punti
rispetto a giugno. Tengono export e occupazione. Stabile il tasso di utilizzo
degli impianti, investimenti in lieve crescita.
Non si chiude la forbice tra piccole e grandi imprese, con le grandi (oltre 50
addetti) che registrano saldi positivi, contrariamente alle piccole (meno di 50 addetti), dove prevalgono i pessimisti. Un’analisi più approfondita mostra come siano soprattutto le micro-imprese (sotto 10 addetti) a essere
fortemente pessimiste.
«In Piemonte, come nelle altre aree industriali del nostro Paese, non si
intravedono soluzioni immediate alla fase di stagnazione e incertezza che ha caratterizzato gli ultimi trimestri
– commenta Fabio Ravanelli, Presidente di Confindustria Piemonte -. Alle difficoltà congiunturali si intrecciano le crisi di settore nell’automotive, nel tessile o nell’edilizia. È motivo di conforto la tenuta di importanti indicatori come CIG (in crescita ma lontana dalla soglia di allarme), tasso di utilizzo degli impianti, investimenti e occupazione. Ma nel breve periodo non è realistico immaginare un’accelerazione: non la giustificano le proiezioni molto caute sull’economia italiana e il rallentamento dell’Europa».

Dario Gallina, il Presidente dell’Unione Industriale di Torino, esprime con
forza la preoccupazione degli industriali torinesi per la permanente debolezza della situazione economica, negativamente influenzata dai dazi e caratterizzata da una crescita zero, che ora rischia di trasformarsi in
recessione: «C’è la necessità che il Governo intervenga già con la Finanziaria sulle maggiori urgenze e con azioni di politica industriale a sostegno dell’export e dei settori più in difficoltà, a partire dall’auto. Il rischio è che la nostra industria e il nostro Paese si stacchino dai principali competitor e partner europei. Non possiamo restare ingessati da sterili beghe politiche; dobbiamo reagire in fretta alla situazione di emergenza».

Riportiamo in dettaglio i principali risultati dell’indagine

Comparto manifatturiero

Per le oltre 900 aziende del campione, restano negative le attese su produzione e ordini per il quarto trimestre 2019.

In particolare il saldo sulla produzione totale passa da -2,3% a -1,5% e
quello sugli ordinativi totali da -3,2% a -4,9%. Rallentano anche le attese
sull’export, che passano da +0,3% a -0,1%. Lievemente più caute ma ancora
leggermente positive le previsioni sull’occupazione: il saldo passa da +4,3%
a +2,1%. Resta forte la correlazione tra produzione e propensione alle esportazioni. Le aziende più ottimiste sono le medie esportatrici, che esportano tra il 30 e il 60% del fatturato (saldo +6,9%); seguono le grandi esportatrici, che esportano oltre il 60% del fatturato, con saldo ottimisti pessimisti pari +0,9% e quelle che esportano dal 10 al 30% del fatturato (saldo 0,0%). Ancora negative le attese per le imprese che vendono all’estero meno del 10% della produzione, con saldo del -7,7%. Si accentua ulteriormente il divario tra la performance delle imprese con oltre 50 addetti e quelle più piccole, con saldi rispettivamente pari a +3,4% (era
1,9% a marzo) e -4,2% (era +4,5%). Aumenta di un punto il ricorso alla CIG, che interessa ora il 12,7% delle aziende, una percentuale in lenta crescita negli ultimi trimestri. Variano di poco le aziende con programmi di investimento di un certo impegno, che passano dal 24,5% al 24,9%. Stabile il tasso di utilizzo della capacità produttiva, che si attesta al 75% un valore non lontano dai livelli pre-crisi. Poche variazioni nella composizione del carnet ordini, in particolare il 20,6% delle aziende ha ordini per meno di un mese, il 48,6% ha ordinativi per un periodo di 1-3 mesi, il 18,9% per 3-6 mesi, l’11,9% per oltre 6 mesi.
La media complessiva dei tempi di pagamento è di 83 giorni; sale a 96
giorni per la Pubblica Amministrazione, in calo significativo rispetto ai livelli prevalenti di 4-5 anni fa. È fornitore degli enti pubblici circa il 18% delle aziende manifatturiere. In calo il numero di imprese che segnalano ritardi negli incassi (26,1%).

A livello settoriale le aziende non metalmeccaniche esprimono attese
ancora negative, passando dal -4,1% al -1,9%. Il saldo delle imprese
metalmeccaniche è negativo per la prima volta dopo 18 trimestri positivi (dal +0,9% al -0,9%). Il comparto macchinari e apparecchi torna positivo, dopo lo scivolone del terzo trimestre e passa da -1,2 a +8,5; restano in crisi la metallurgia (da -13,5 a -10,3%) e l’automotive (da 0,0% -2,9%); brusca
frenata per l’industria elettrica ed elettronica (da +27,6% a 0,0%). Tra gli altri comparti manifatturieri, spicca l’andamento ancora positivo dell’alimentare, che non conosce crisi e passa da +7,8% a +12,0%, della chimica (da +2,0% a +5,3%), delle manifatture varie (da +6,0% a +11,0%) e del legno (da +12,5% a +7,1%). Gelata per gli impiantisti (da +8,3% a -22,9%), mentre è negativo il saldo per la gomma-plastica (da -10,0% a -1,9%). Resta profonda la crisi del tessile, soprattutto biellese (che passa dal -19,5% al -12.1%), del cartario-grafico (da -22,0% a -2,5%) e dell’edilizia (da -4,1% a -10,0%).

A livello territoriale, si segnala la ottima performance di Canavese (da
+25,9% a +31,3%), Alessandria (da -7,1% a +10,7%), Novara (da +15,2% a
+7,1%), Cuneo (da +3,8% a +5,1%). Inversione di tendenza ad Asti (da
+7,9% a -3,2%), mentre restano negative le attese a Torino (da -0,9% a –
8,1%), Verbania (da -6,9% a -14,3%) e Vercelli (da -13,5% a -5,0%). Si
accentua la crisi a Biella, dove il saldo ottimisti pessimisti, è negativo da un
anno (-14,8% il salto ottimisti-pessimisti).


Comparto dei servizi


Le oltre 300 aziende del campione esprimono valutazioni positive, ben più
ottimistiche rispetto al manifatturiero: quasi tutti gli indicatori registrano saldi positivi a due cifre.
In particolare, il saldo ottimisti-pessimisti sui livelli di attività migliora di 2,5 punti percentuali (da +17,3% a +19,8%), quello sull’occupazione passa da
+18,2% a +18,5%. Positivo anche il saldo per ordini totali, che passa da
+13,9 a +16,1%.
Diminuiscono le imprese con programmi di investimento di un certo rilievo
(da 26,4% a 22,0%).
Andamento positivo per tasso di utilizzo delle risorse (84%), mentre è
quasi nullo il ricorso alla CIG, attestato allo 0,6%, invariato rispetto a giugno.
Qualche variazione per la composizione del carnet ordini. Il 12,0% delle
aziende ha ordini per meno di un mese, il 32,0% ha ordinativi per un periodo di 1-3 mesi, il 20,6% per 3-6 mesi e il 35,4% per oltre 6 mesi. Da notare che il portafoglio ordini oltre i 6 mesi è considerevolmente più frequente nel terziario rispetto al manifatturiero (dove supera di poco il 10%).
Leggero rialzo per i tempi di pagamento. La media è di 69 giorni: il ritardo
sale a 92 per la Pubblica Amministrazione, con cui ha rapporti di fornitura
circa il 45% delle aziende del campione. Il 28% delle imprese segnala ritardi negli incassi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continua a leggere
Pubblicità
X