Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Economia

Istat: l’Italia è un paese per vecchi

Pubblicato

il

L’Italia è un paese per vecchi: lo dicono a pochi giorni dalla fine del 2019 e confermando un trend che va ormai avanti da diversi anni, i dati dell’ultimo annuario pubblicato dall’Istat che assegna al 2018 il nuovo minimo storico delle nascite dall’Unità d’Italia, pari a 439.747.

Il servizio andato in onda nel nostro TG

L’anno precedente i nati erano stati 633.133. In contemporanea, però, continua a crescere l’aspettativa di vita media alla nascita che si attesta “su 80,8 anni per i maschi e 85,2 per le femmine”. Numeri che, messi insieme, confermano che il Belpaese è uno dei più longevi al mondo, con 173,1 persone con 65 anni e oltre ogni cento persone con meno di 15 anni al primo gennaio 2019.

E poi ci sono altri numeri: quelli legati al fatto che le famiglie sono sì più numerose, ma i nuclei sempre più piccoli e con una spesa che cresce più del reddito pur essendo quest’ultimo – come dice ancora una volta l’annuario – tornato a salire pure lui. In Italia, poi, le famiglie – 25 milioni e 700 mila – sono formate da sempre meno persone, a causa anche del fatto che molti giovani vanno a vivere da soli, ma senza un partner o senza fare figli. L’annuario Istat registra come il numero medio di componenti è passato da 2,7 (media 1997-1998) a 2,3 (media 2017-2018), soprattutto per l’aumento delle famiglie unipersonali che in 20 anni sono cresciute di oltre 10 punti ovvero un terzo del totale delle famiglie.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X