Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Economia

“Fabbriche aperte 2022”: Solvay apre le porte alla comunità

Pubblicato

il

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO LA NOTA DI SOLVAY

Benvenuti nel 2030, il futuro è già qui” è il titolo dell’edizione 2022 di Fabbriche Aperte, l’iniziativa dello stabilimento Solvay di Spinetta Marengo che – dall’ultima edizione del 2015 e dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia – torna ad aprire le porte a tutta la cittadinanza per condividere i risultati raggiunti e i progetti in corso, tanto sul fronte della ricerca e dell’innovazione, quanto in quello della tutela ambientale.

“Coerentemente con la nostra disponibilità al dialogo, siamo felici di poter nuovamente, dopo anni, aprire le porte a tutti i cittadini che vogliono conoscere da vicino la nostra realtà produttiva e la nostra comunità professionale che rappresenta un’eccellenza per il Gruppo e un’opportunità per il territorio – dichiara Andrea Diotto, direttore dello stabilimento. Fabbriche Aperte è la miglior occasione per ribadire e dimostrare il nostro impegno ventennale per la sicurezza dei dipendenti e dei cittadini, il rispetto e la tutela ambientale. Un ringraziamento speciale va ai volontari impegnati per l’organizzazione di Fabbriche Aperte e a tutte le donne e gli uomini che contribuiscono ogni giorno a rendere lo stabilimento di Spinetta Marengo leader globale nello sviluppo di materiali innovativi e nella chimica del futuro”.

Infatti, è grazie alla collaborazione di oltre 50 volontari tra i dipendenti dello stabilimento che è stato possibile organizzazione l’evento di domenica 18 settembre (dalle h. 8,30 alle h. 18,00) che si configura come un vero e proprio viaggio nella chimica di oggi e domani. Saranno gli stessi dipendenti dello stabilimento che accompagneranno i visitatori in un tour guidato che contempla tre tappe principali:

  • l’area dedicata all’innovazione per visitare uno dei principali fiori all’occhiello dello stabilimento, l’impianto PFR, per la produzione di una gomma perfluorata utilizzata in molteplici settori, a partire dall’elettronica e dai semiconduttori. Accanto al PFR un video illustrerà una nuova frontiera di sviluppo: l’impianto prototipi Aquivion®, per la produzione di membrane e altri materiali finalizzati al fiorente mercato dell’idrogeno;
  • l’area speciale per la tutela ambientale, con la visita al nuovo impianto a osmosi inversa dedicato al trattamento dei reflui acquosi di processo e all’adiacente cantiere dove sta per sorgere il nuovo impianto per il trattamento con carboni attivi per l’ulteriore filtrazione delle acque industriali di raffreddamento;
  • una grande area verde, l’EXPO ARENA, dedicata ai laboratori, all’intrattenimento per adulti, ragazzi e bambini e a tante altre piccole e grandi scoperte circa le applicazioni dei prodotti Solvay e le ricerche che le rendono possibili.

Concluderà il percorso il passaggio presso la mensa aziendale dove ciascun visitatore potrà ricevere una food box, un omaggio in ricordo della giornata e visitare la mostra fotografica dedicata ai 20 anni di Solvay a Spinetta Marengo.

Per ragioni organizzative e di sicurezza, la prenotazione è obbligatoria e sarà disponibile fino ad esaurimento dei posti. La procedura è molto semplice: basta collegarsi alla piattaforma online dedicata* e scegliere la fascia oraria nella quale si desidera svolgere il tour guidato. Per consentire la partecipazione alle persone con disabilità motoria, visiva e uditiva è prevista una visita riservata.

Sempre nella stessa giornata, alle 10 è fissato l’appuntamento (esclusivamente su invito) con il talk istituzionale “La chimica di oggi e di domani tra transizione ecologica e nuove sfide”: il Rettore del Politecnico di Torino, Prof. Guido Saracco, dialogherà con Gabriella Greison, fisica, scrittrice e divulgatrice scientifica. L’incontro vedrà la partecipazione del Sindaco di Alessandria, Giorgio Abonante.

Concluderanno l’evento istituzionale l’inaugurazione ufficiale dell’impianto a osmosi inversa e il sopralluogo al cantiere del futuro impianto con carboni attivi: con un investimento complessivo di 40 milioni di Euro, Solvay conferma l’impegno costante sul fronte ambientale, raggiungendo il cosiddetto “zero tecnico” nell’abbattimento dei fluorotensioattivi PFAS.

(*) Per prenotarsi basta collegarsi al sito

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X