Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Economia

Ex Ilva: ok governo per fondi cassa integrazione straordinaria

Pubblicato

il

Nel giorno in cui la Commissione europea svela il suo maxi-piano per gli investimenti ecosostenibili da mille miliardi di euro in 10 anni – con stanziamenti in programma anche per l’Italia e per il sito dell’ex Ilva di Taranto – la pagina dell’economia di Affaritaliani.it riporta la notizia dell’ok del governo italiano ai fondi per la cassa integrazione guadagni straordinaria.

Il servizio andato in onda nel nostro TG

La conferma arriva dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla programmazione economica e agli investimenti, Mario Turco: il costo totale dell’intervento per un anno è stimato in 19 milioni di euro. “Sono state trovate le coperture finanziarie per garantire la continuità del sostegno al reddito – spiega Turco -, anche ai fini della formazione professionale per la gestione delle bonifiche”.

Con un emendamento al decreto Milleproghe, presentato dal governo, è stata infatti risolta la questione inerente l’integrazione del trattamento di cassa integrazione guadagni straordinaria per i dipendenti del Gruppo Ilva in Amministrazione Straordinaria (Ilva, Sanac e Taranto Energia): le istanze per l’anno 2020 riportano un numero complessivo di lavoratori interessati dal trattamento pari a 2.331 di cui 1.978 dipendenti di Ilva, 341 per Sanac, 12 per Taranto Energia. Oltre a Taranto ex Ilva ha due stabilimenti a Genova Cornigliano e a Novi Ligure, nell’Alessandrino.

In quest’ultimo comune c’è aria tesa anche per un altro marchio di riferimento, questa volta nel panorama agroalimentare italiano: Pernigotti. È infatti slittata al prossimo 29 gennaio l’udienza fissata oggi in tribunale a Milano sul ricorso di Giordano Emendatori che contesta la cessione del comparto gelati al gruppo Optima di San Clemente di Romagna da parte della Pernigotti. Emendatori ha chiesto un maxirisarcimento, poiché, tagliato fuori dopo aver firmato mesi fa con Pernigotti un contratto preliminare milionario proprio per acquisire il comparto gelati e creme, ora si ritiene danneggiato e ha mosso azione legale.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X