Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Economia

Il mondo Coldiretti a Torino per chiedere di difendere il comparto agricolo

Pubblicato

il

TORINO – Tutti in piazza per difendere le esigenze dell’agricoltura. Erano in 20.000 gli agricoltori Coldiretti che, da tutto il Piemonte, ieri hanno sfilato da piazza Vittorio a piazza Castello, chiedendo poche regole, ma buone, perché il settore primario, che difende la biodiversità, presidia territori altrimenti disabitati, riduce il rischio del dissesto idrogeologico e gli effetti dei cambiamenti climatici, chiede aiuto alle istituzioni per continuare a produrre cibo sano, sicuro e rigorosamente controllato dalle strette normative italiane.

Il servizio andato in onda nel nostro TG

E quello rilanciato, a gran voce, anche dalla numerosa delegazione di imprenditori agricoli alessandrini è stato uno slogan caro al presidente della Regione Alberto Cirio, quel muoversi con un’altra velocità, nel nome dell’occupazione e dell’economia territoriale. “Abbiamo voluto mettere al centro dell’attenzione l’agricoltura a 360 gradi – hanno affermato Mauro Bianco e Roberto Rampazzo, rispettivamente presidente e direttore di Coldiretti Alessandria -. La Regione deve impegnarsi concretamente, dalla problematica della fauna selvatica, visto che in Piemonte negli ultimi 6 anni si sono registrati 7.000 incidenti con una media pari a circa 1.200 incidenti l’anno, alla distribuzione delle risorse rimaste per il Psr 2014/2020 che deve dare priorità alle misure legate all’imprenditorialità giovanile visto che un giovane su tre risulta escluso dai finanziamenti; dai tagli alla burocrazia inutile alla necessità di costringere le industrie di trasformazione e la grande distribuzione a retribuire in modo equo il lavoro degli agricoltori, dai controlli sulle importazioni alla trasparenza lungo le filiere”. Il mondo agricolo ha sottolineato come il piatto sia colmo e se non si adottano provvedimenti smart, con aiuti concreti che si integrino in modo costruttivo e risolutivo ai fondi destinati alle recenti calamità per maltempo, l’agricoltura il Piemonte rischia solo di franare, ancora di più.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X