Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Scuola e Università

Piemonte, “Scuola sicura” per rientro seconde e terze medie: un tampone al mese per gli alunni

Pubblicato

il

La Regione Piemonte ha presentato oggi, mercoledì 30 dicembre nel corso di una conferenza stampa, il progetto “Scuola sicura” per garantire il ritorno in classe al 100% in presenza dal 7 gennaio per gli alunni di seconda e terza media e del personale scolastico.

L’assessore regionale all’Istruzione, Elena Chiorino

Le parole dell’assessore regionale all’Istruzione Elena Chiorino:

“Si tratta di un progetto mirato affinché personale, docenti e alunni possano rientrare a scuola in totale sicurezza e con l’auspicio che si possa tornare per stare in presenza fino alla fine. Verrà eseguito uno screening modulare sui ragazzi di seconda e terza media a partire dall’11 gennaio. Prevediamo un’adesione di circa il 75%, che sarà su base volontaria su un totale di circa 75.000 alunni coinvolti. Verranno utilizzati gli hotspot regionali già presenti e coinvolti i referenti Covid delle scuole. Per quanto riguarda i docenti e il personale ATA (circa 83.000 persone in tutto) di ogni ordine e grado, dal 4 gennaio al 31 marzo potranno prenotare ogni 15 giorni il tampone, sia molecolare che rapido, dai medici di base sfruttando corsie dedicate al mondo della scuola. La previsione di spesa complessiva da parte della Regione è di circa 7 milioni di euro. Si sta lavorando anche su progetti sperimentali che consentano un potenziamento e un ampliamento del progetto sulla base di quelle che saranno le singole situazioni su territori specifici. Il calendario scolastico rimane intatto, con ripresa prevista per il 7 gennaio. Ci faremo trovare pronti alla ripartenza con l’auspicio di tornare in presenza per restarci, perché è fondamentale sia per i docenti che per gli studenti”.

Lo screening a rotazione degli alunni coinvolgerà il 25% dei componenti della classe ogni settimana, in modo che nell’arco di un mese venga effettuato il tampone alla totalità della stessa. Ciò significa che ogni studente verrà convocato nell’hotspot di riferimento una volta al mese.

Al momento non è previsto alcuno screening per gli studenti delle superiori, per i quali le lezioni riprenderanno in presenza al 50%.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X