Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Religione

Tortona: restauro cripta Madonna della Guardia a Giuliano Vangi

Pubblicato

il

TORTONA – Sarà l’artista toscano di fama internazionale Giuliano Vangi ad occuparsi della riqualificazione, al santuario della Madonna della Guardia, della cripta, divenuta da qualche mese parrocchia di San Bernardino.

È questa la seconda freccia che ha scoccato dal suo arco il rettore del santuario don Renzo Vanoi, nell’ottica di rendere più accattivante l’intero quartiere. Se l’archistar italo-svizzero Marco Botta firmerà infatti la nuova “Cittadella di don Orione”, sarà lo scultore originario di Barberino di Mugello a occuparsi del progetto di intervento sulla cripta, che necessita di un accesso indipendente e di una riprogettazione del presbiterio. Di ritorno dal Giappone, dove gli è stato dedicato un museo personale di 30.000 metri quadrati sotto il monte Fuji, Giuliano Vangi – 88 anni e con impegni che lo portano in più parti del mondo – ha effettuato un sopralluogo nell’edificio sacro tortonese, il cui amato simulacro (la Madonnina che svetta sulla città) è stato ridorato nel 2016 dall’altrettanto illustre restauratore Lino Reduzzi. Quest’ultimo è amico di entrambi gli artisti, attualmente impegnati – fianco a fianco – nella realizzazione di una chiesa a Seul, in Corea del Sud ed ha fatto da tramite per averli nella terra dove san Luigi Orione è cresciuto e ha fondato la Piccola Opera della Divina Provvidenza. “Corteggiavo da tempo questi due professionisti dalla grande sensibilità – ha spiegato don Renzo Vanoi -, che hanno voluto prima di tutto respirare l’aria del nostro santuario al fine di regalarci la loro arte nel nome del carisma di don Orione”. L’intento è quello di riorganizzare gli spazi di questa “Cittadella della Carità”, che comprende – oltre alla basilica – la torre con la statua simbolo della Madonnina d’oro, il Piccolo Cottolengo, il centro Mater Dei e la casa madre delle Piccole Suore Missionarie della Carità. “Il percorso di riqualificazione sarà armonioso e globale – conclude l’architetto Filippo Tavella, professionista di fiducia dell’Opera -: la visione a grand’angolo di Mario Botta porterà al completamento della facciata del santuario e alla realizzazione di una pavimentazione adeguata degli spazi antistanti e laterali, mentre Giuliano Vangi si occuperà, nel rispetto dei vincoli archeologici che interessano quest’area, della cripta, la quale ha una capienza pari alla parte superiore del santuario”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X