Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Eventi e manifestazioni

John Florio, l’uomo che era Shakespeare

Pubblicato

il

ACQUI TERME – L’identità di Shakespeare è sempre stata un enigma. È strano che non ci sia pervenuto nessun manoscritto, nessuna lettera, nessun documento attinente alla sua attività di poeta e drammaturgo, nessuna prova di uno scambio con il mondo culturale inglese del tempo.

Lamberto Tassinari

Resta così molto difficile sovrapporre William Shakespeare di Stratford-upon-Avon, di famiglia analfabeta, morto senza avere una biblioteca personale, e i cui documenti esistenti sono solamente transazioni commerciali, al genio della letteratura inglese.

Questo dubbio è stato condiviso da personalità come Charles Dickens, Mark Twain, Sigmund Freud, Walt Whitman, Friedrick Nietzsche, Jorge Luis Borges. Possibili candidati ad essere Shakespeare sono stati identificati nel filosofo Francis Bacon, nel conte di Oxford Edward de Vere, nel drammaturgo Christopher Marlowe. Negli ultimi anni, per merito del Prof. Tassinari e di altri studiosi, i riflettori sono accesi su John Florio, nato a Londra ma di famiglia italiana, poeta, erudito, traduttore, lessicografo, una personalità di grande spessore culturale e politico della Londra di quel tempo.

John (Giovanni) Florio fu un esponente molto importante nel mondo culturale inglese del Rinascimento, fondamentale per legare la cultura italiana e quella inglese. Scrisse, tra le altre opere, due dizionari di italiano-inglese, imprescindibili in quegli anni per potere leggere e capire le opere di autori italiani. Introdusse nella lingua inglese 1109 parole nuove, terzo in ordine dopo Chaucer e lo stesso Shakespeare, tradusse i Saggi di Montaigne dal francese all’inglese e, in ultimo, il Decamerone di Giovanni Boccaccio dall’italiano all’inglese. Fu precettore della migliore nobiltà inglese e segretario personale della Regina Anna, moglie di Giacomo I.

Il Prof. Tassinari, che parlerà in diretta dal Canada, dopo un’introduzione sulla questione dell’ identità di Shakespeare, illustrerà il personaggio John Florio e i motivi che hanno indotto lui e altri studiosi a pensare ad una possibile identificazione con il drammaturgo inglese. La conferenza, organizzata dal Rotary Club di Acqui Terme con il Patrocinio del Comune di Acqui Terme, sarà trasmessa in diretta streaming sulla pagina Facebook del Rotary Club di Acqui Terme. Gli studenti delle Scuole Superiori acquesi potranno invece partecipare alla serata usando il link a loro disposizione sulla piattaforma digitale Zoom.

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X