Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cultura

Acqui Terme, si conclude con un grande successo la mostra antologica “Divine Astrazioni”

Pubblicato

il

ACQUI TERME- La collaborazione consolidata e rinnovata tra Comune di Acqui Terme e ComitArt ha portato ottimi risultati

A concludere in via definitiva la Mostra Antologica “Divine Astrazioni. Collezioni di Informale”, organizzata dal Comune di Acqui Terme – Assessorato alla Cultura al Civico Museo Archeologico e realizzata dall’Associazione ComitArt, è il commento dei curatori Paolo Repetto e Laura Garbarino, che constatano insieme all’Ufficio Cultura del Comune un successo andato al di là delle aspettative, con le oltre 2500 presenze di visitatori in poche settimane di esposizione al Castello dei Paleologi (17 settembre – 6 novembre 2022).
Commenta Paolo Repetto: «La mostra è andata molto bene, considerando che ha avuto una durata
limitata, di circa due mesi. Bella e notevole la presenza delle scuole con visite guidate: soprattutto classi di
quarta e quinta dei Licei di Acqui Terme e di Ovada, con un ottimo profilo didattico. Speriamo di poter
dare continuità alle proposte culturali con ComitArt. Incontreremo il Sindaco di Acqui Terme e
l’Amministrazione comunale per ragionare insieme sul futuro della Mostra Antologica e dei suoi luoghi».
Aggiunge Laura Garbarino: «Sono particolarmente soddisfatta dalla risposta che questa mostra ha
ricevuto, sul territorio e fuori. È stato molto bello vedere una tale affluenza al Civico Museo Archeologico
che nel suo genere è un gioiellino, è stata inoltre l’occasione per riportarvi gli acquesi e per farlo conoscere ad un pubblico nuovo. Questo successo ha dimostrato soprattutto che alcune operazioni, seppur con misura e budget limitati, possono dare i frutti sperati. Anche la cultura può fare dei numeri, ma senz’altro non è enumerabile quello che lascia nelle esperienze e nel cuore dei visitatori. La qualità premia sulla quantità. Questo è un mantra che mi ripeto nella vita e nel lavoro: so che sembra essere poco di moda, ma la moda si esaurisce e cambia, mentre la cultura resta».

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X