Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Torino: tenta di truffare un’anziana signora, arrestato

Pubblicato

il

TORINO – Durante un servizio di prevenzione e repressione del fenomeno delle truffe perpetrate in danno di persone anziane, nella giornata di ieri, mercoledì 5 agosto, il personale della Squadra Mobile ha arrestato un cittadino italiano.

Gli agenti, transitando in Via Renier, hanno notato un’automobile con a bordo due uomini, uno seduto lato guidatore ed uno sul sedile posteriore. Poco dopo i poliziotti hanno visto un terzo uomo vestito con abiti da lavoro tipici dei tecnici del gas, uscire dal portone di uno stabile e dirigersi frettolosamente verso l’autovettura.

Intuendo potesse trattarsi di truffatori, gli agenti hanno proceduto al loro controllo ma, all’avvicinarsi degli operatori, uno dei tre ha immediatamente opposto resistenza, permettendo in tal modo la fuga dei due complici.

Da un accertamento effettuato all’interno dello stabile, ove era uscito poco prima il malfattore, i poliziotti hanno scoperto che l’uomo era riuscito ad accedere all’interno dell’appartamento di un’anziana signora ma che la stessa, non cadendo in errore, lo aveva allontanato prima che riuscisse ad impossessarsi dei suoi averi.

Durante la perquisizione del veicolo sono stati rinvenuti diversi oggetti utilizzati per compiere le truffe, tra cui due radiotrasmittenti di piccole dimensioni, guanti da lavoro, l’avviso di una nota società del gas ed uno strumento elettronico spacciato dal malvivente per un macchinario finalizzato al rilevamento di sostanze gassose.

Sequestrata inoltre l’autovettura, sulla quale erano state apposte due targhe false al fine di depistare eventuali controlli di Polizia.

Il reo è stato arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale e tentato furto in abitazione nonché indagato per possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli e falso materiale commesso da privato.

E’ in corso un’attività investigativa finalizzata ad individuare altri episodi delittuosi allo stesso riconducibili.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X