Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Torino ospita la 132° sessione del Comitato dei Ministri degli Esteri del Consiglio d’Europa

Pubblicato

il

TORINO – La Città di Torino ospita la 132a sessione del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa. I Ministri degli Affari Esteri dei 46 Paesi membri sono stati accolti questa sera, giovedì 19 maggio, a Palazzo Madama dal sindaco della città, Stefano Lo Russo.

Torino ha un forte senso europeista. A partire dalla sottoscrizione della Carta Sociale Europea contro le disuguaglianze e le povertà, lanciata in Italia, proprio qui a Torino, nel 1961. Dove i principi comuni espressi furono: più liberi, più sicuri, più coesi. – spiega il sindaco Lo Russo nel suo discorso di benvenutoIl Consiglio d’Europa è figlio di quel multilateralismo che caratterizzò gli anni successivi al Secondo conflitto mondiale. Una motivazione, una spinta basata su una considerazione ancora attuale: la collaborazione riduce la contrapposizione, contrasta la conflittualità, aumentando le possibilità di composizione positiva delle vertenze. Che le divisioni rendono più deboli e rinchiudersi dentro i propri confini ci rende più vulnerabili”.

Ospitando questi giorni di Consiglio d’Europa Torino vuole riaffermare la sua forte vocazione internazionale desiderosa di condividere con il mondo la sua bellezza e il suo patrimonio storico. – continua – Sono onorato di ospitare questa edizione nonostante il contesto per l’Europa e per il mondo siano complessi, proprio per questo credo sia ancora più necessario testimoniare e sostenere i valori fondanti del Consiglio d’Europa: pace, democrazia, stato di diritto e diritti umani e l’importanza di un co -operazione intorno a questi valori”.

Confido che i 46 Ministri degli Affari Esteri degli Stati membri del Consiglio troveranno nella nostra bella città e nella nostra meravigliosa regione il luogo ideale per rafforzare il sentimento di fratellanza e di amicizia tra nazioni e popoli. – conclude Lo Russo – Sarebbe per noi un grande piacere se, accanto agli importanti impegni in programma, voi e i membri della vostra delegazione poteste avere il tempo di scoprire il patrimonio culturale e naturale di una città incastonata tra le montagne olimpiche e colline, circondata da fiumi e abbellita con gioielli architettonici che raccontano la nostra storia e la storia dell’Unità d’Italia”.

I Ministri degli esteri degli Stati membri del Consiglio d’Europa, oggi, sono stati ospiti a Palazzo Carignano, nel Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – il più antico e importante museo dedicato al Risorgimento italiano – e alla Camera Subalpina, dove i Ministri sono stati accolti dal Presidente del Museo Mauro Caliendo e dal Direttore Ferruccio Martinotti. Infine in Prefettura e a Palazzo Madama.

Domani, venerdì 20 maggio, i Ministri degli affari esteri si ritroveranno in uno dei luoghi simbolo del
territorio: la Reggia di Venaria. Capolavoro architettonico e paesaggistico, da anni è tra i siti museali più visitati in Italia, dopo la chiusura dei lavori di restauro, durati 8 anni, promossi dall’Unione Europea e curati dal Ministero della Cultura e dalla Regione Piemonte.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X