Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Torino: minaccia il vicino con una pistola scacciacani, denunciato

Pubblicato

il

TORINO – Un quarantunenne residente nel quartiere Cenisia è stato individuato due giorni fa dagli agenti del Commissariato San Paolo pochi minuti dopo aver minacciato un vicino di casa con una pistola.

arresto torino

L’uomo permetteva immediatamente agli agenti il rinvenimento dell’arma, una scacciacani priva del tappo rosso, sapendo che erano stati allertati e si professava “innocente” riguarda a qualsiasi detto su di lui. Nelle sue tasche, una cartuccia danneggiata nel fondello, presumibilmente inesploso. Gli agenti ricostruivano quanto accaduto poco prima. L’uomo aveva atteso un vicino di casa col quale da tempo ha dei dissidi per futili motivi, che stava rientrando nel palazzo dopo una commissione, e nel momento in cui questi transitava in corrispondenza del suo alloggio apriva la porta di casa  puntandogli l’arma ed esplodendo un colpo. Lo avrebbe, nel frattempo, minacciato di ammazzarlo. Il quarantunenne, che ha precedenti per minacce e porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere, non in possesso di armi o titoli di Polizia equipollenti, è stato denunciato per minacce aggravate.

Torino: la Polizia di Stato interrompe party privato

All’interno dell’alloggio erano presenti oltre 15 persone

E’ la sera di sabato e attorno alle 23 arriva al 112 NUE la segnalazione di una festa in atto in un’abitazione privata nel quartiere Nizza.Al loro arrivo  nei dintorni dello stabile, i poliziotti del Comm.to Barriera Nizza notano chiaramente una decina di persone sul terrazzino, tutte senza mascherine e non rispettanti le regole sul distanziamento sociale; inoltre, mentre salgono per le scale del palazzo, un gruppo nutrito di ragazzi va loro incontro. Sono proprio quelli che stavano partecipando alla festa. I giovani vengono invitati a rientrare nell’appartamento: qui viene appurato che era stato organizzato dai figli dei proprietari un party per stare un po’ in compagnia con gli amici. Complessivamente, i ragazzi presenti erano 16, tutti di età fra i 16 e i 22 anni. Gli agenti hanno posto fine all’assembramento, invitando i presenti a fare rientro presso le proprie residenze. Sono in corso le procedure volte alla contestazione amministrativa per le violazioni accertate in merito alle disposizioni volte al contenimento della pandemia da Covid 19.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X