Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Torino: chiuso per 5 giorni minimarket nel quartiere San Secondo

Pubblicato

il

TORINO – Lunedì pomeriggio, personale del Comm.to San Secondo, unitamente ad equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine, ha svolto un servizio di controllo del territorio nel quartiere di competenza, con particolare riferimento all’area della stazione ferroviaria di Porta Nuova. Sono state identificate 45 persone, 11 delle quali gravate da precedenti di polizia, e controllati 35 veicoli. Due gli esercizi pubblici sottoposti a controllo un esercizio di vicinato sito in via San Secondo 12/C il cui titolare, alla presenza della clientela, non indossava correttamente la mascherina; nei suoi confronti è stata elevata una sanzione da 400 €. Inoltre, in un minimarket sito in via San secondo 5/E, il titolare non aveva apposto all’ingresso il cartello obbligatorio relativo alla capienza massima e inoltre non aveva posto a disposizione dei clienti i previsti gel igienizzanti. L’uomo è stato sanzionato per 800 €, l’esercizio è stato sottoposto a chiusura provvisoria per 5 giorni.

Torino: Denunciata per una bomboletta spray illegale

Gli agenti erano intervenuti su richiesta della donna

Martedì sera, intorno alle 22, in via Sospello angolo via Campiglia una donna, con una bomboletta spray al peperoncino nelle mani, ferma la volante del Commissariato Madonna di Campagna raccontando di essere stata aggredita e minacciata da un uomo lì presente. Gli agenti appurano che entrambe le parti erano a spasso con il cane e che la lite era iniziata quando la donna si era lamentata del fatto che il cane dell’uomo, un dobermann, non fosse al guinzaglio. Di tutta risposta, l’uomo l’aveva insultata. A questo punto, la donna aveva estratto e puntato la bomboletta in direzione della controparte la quale però si allontanava.

Visionando la bomboletta, gli agenti si accorgono che lo spray, per diversi motivi, non era conforme alle norme vigenti, risultando illegale in Italia. Per tale ragione la donna una cittadina rumena viene denunciata in stato di libertà per porto abusivo di armi. Durante la stesura degli atti, la donna, con atteggiamento irrispettoso, più volte scatta delle foto dicendo che l’indomani si sarebbe recata in Questura e che avrebbe inviato le foto alla stampa in quanto gli agenti si stavano accanendo contro di lei.  

Torino: Denunciato per resistenza a P.U. dopo una lite in famiglia

Il fatto è avvenuto in corso Molise

Ieri mattina, gli agenti del Commissariato Madonna di Campagna intervengono per una lite in famiglia in corso Molise. Nel corso del racconto della madre, il figlio, in stato psicofisico alterato, va in escandescenze urlando in direzione della donna e degli agenti. Quando questi ultimi decidono di accompagnarlo all’auto di servizio, l’uomo si aggrappa alla ringhiera delle scale e scalcia i poliziotti, motivo per il quale viene denunciato per resistenza.

Quasi tre ore dopo, la madre chiama la Polizia raccontando che il figlio si è ripresentato. Gli agenti, infatti, lo trovano in strada sotto casa del genitore. Alla vista della volante, il trentacinquenne si accascia al suolo lamentando un dolore al costato provocato, a suo dire, dai poliziotti intervenuti in precedenza. Per tale motivo gli agenti chiedono l’ausilio di personale medico. Dopo pochi minuti, però, l’uomo, infastidito dall’attesa, si allontana dicendo di non avere più bisogno e di non avere più male.

Torino: Arrestato pusher dagli agenti del Commissariato Centro

Una ventina le dosi di crack ritrovate

Nel pomeriggio di ieri, gli agenti del Commissariato Centro fermano e arrestano in corso Regina Margherita un diciassettenne senegalese dopo che questi ha occultato un sacchetto, contenente una ventina di dosi di crack, sotto le foglie nei pressi di un albero. Un secondo soggetto, presente in zona, alla vista degli agenti si dà alla fuga. Poco dopo, tre cittadini stranieri, uno dei quali corrispondente alla persona allontanatasi, vengono fermati in corso Principe Oddone angolo via Masserano. Durante il controllo, proprio lo straniero che si era allontanato, inizia prima ad agitarsi e a urlare e poi spintona gli agenti. Non pago, dà una testata a una saracinesca e buttandosi per terra invita le persone presenti a fare dei video che attestino il pugno ricevuto dagli agenti. Nel frangente, pur a terra, il giovane straniero, un minore, continua a dare testate al muro. Per il diciassettenne scatta la denuncia per resistenza a P.U.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X