Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Rondissone: recuperata una tonnellata e mezzo di rame dalla Polfer

Pubblicato

il

RONDISSONE (TO) – A seguito di attività investigative condotte dalla Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle d’Aosta, che già nel mese di maggio hanno permesso di deferire all’Autorità Giudiziaria cinque cittadini rumeni e di recuperare due tonnellate di cavi di rame, sono stati individuati dei capannoni utilizzati per il deposito e la presunta lavorazione illecita di rame.

Per la loro ubicazione, sono risultati un punto facile di approdo per i trafficanti ma di difficile accesso per le Forze dell’Ordine, anche per la presenza di vedette che, segnalando ogni movimento, ostacolavano qualsiasi intrusione.

Gli agenti hanno fermato due furgoni in procinto di accedere ad uno dei capannoni. In uno dei due mezzi la polizia ha rinvenuto circa una tonnellata e mezzo di rame.

Tutto il metallo rinvenuto, le autovetture, i capannoni e il rame presente all’interno del capannone utilizzato per la lavorazione del materiale rubato sono stati sottoposti a sequestro.

Colti nella flagranza del reato, i soggetti identificati, tre rumeni e un italiano, tutti con vari precedenti per reati contro il patrimonio, sono stati denunciati per ricettazione e, a seguito di riscontrate anomalie sull’erogazione di energia elettrica, il proprietario del capannone è stato deferito per furto di energia elettrica.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X