Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Ripreso il processo Eternit bis a Novara: parola ai consulenti della difesa

Pubblicato

il

NOVARA – È ripreso oggi dopo la pausa estiva il processo Eternit bis.

Sono stati i consulenti della difesa a parlare in aula per ben sei ore. La tesi che vogliono dimostrare è che le morti per mesotelioma non sarebbero da imputare alla gestione Eternit da parte della società svizzera, ma a quando l’azienda di Casale era gestita dalla società belga.

Il troncone del processo Eternit – bis che conta 392 vittime dell’amianto, era ripreso 11 luglio 2022, davanti la Corte d’Assise di Novara.

Stephan Schmidheiny è l’unico imputato, accusato dell’omicidio volontario di tanti operai che hanno lavorato nella sua azienda a contatto con l’amianto, ma anche di molti residenti che abitavano vicino la fabbrica incriminata.

Il processo Eternit dopo due condanne, in primo grado e in appello, si era concluso con la prescrizione dichiarata dalla Corte di Cassazione. Il pubblico ministero aveva ipotizzato il reato di disastro ambientale.

La richiesta di giustizia delle tante famiglie che hanno perso i propri cari a causa dell’amianto era molto forte. È stato così incardinato il processo Eternit bis, dove l’accusa è diversa tra i vari tronconi, e va dall’omicidio colposo all’omicidio volontario, quest’ultimo contestato a Novara. Schmidheiny è stato condannato più volte per omicidio colposo, ma mai ancora in via definitiva. Si ritorna in aula il 24 ottobre.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X