Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Rail Safe Day, Polizia contro comportamenti illeciti in ambito ferroviario

Pubblicato

il

3 denunciati in stato di libertà, 1580 persone identificate di cui 400 straniere e 298 a bordo treno, 74 operatori impiegati in 30 stazioni ferroviarie, 49 i treni scortati e 9 sanzioni elevate per infrazioni al codice della strada.

Rail Safe Day

Questi i risultati del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle d’Aosta, nell’ambito della giornata di controlli organizzata a livello nazionale (Rail Safe day), su disposizione del Servizio Polizia Ferroviaria di Roma, per il contrasto dei comportamenti illeciti in ambito ferroviario, tra questi, gli attraversamenti dei binari e l’indebita presenza in aree ferroviarie di servizio.

Gli Agenti Polfer messi in campo hanno operato per la sicurezza dell’intera utenza in ambito ferroviario con azioni mirate di prevenzione e, in alcuni casi repressione, di tutte le condotte a rischio per la tutela dei viaggiatori, non solo nelle stazioni maggiormente interessate da traffico ferroviario nazionale e internazionale con notevole flusso di viaggiatori che utilizzano il treno ogni giorno per motivi di lavoro o di studio, ma anche in quegli scali non presenziati quotidianamente, con servizi che hanno garantito la vigilanza durante tutto il giorno.

In particolare nello scalo di Torino Porta Nuova gli operatori del Settore Operativo, coadiuvati da Unità Cinofile messe a disposizione dalla Questura di Torino, hanno denunciato in stato di libertà per detenzione e spaccio di stupefacenti un quarantacinquenne nigeriano.

L’uomo, che all’atto del controllo di Polizia si è mostrato da subito nervoso, è stato segnalato dall’unità cinofila come soggetto potenzialmente detentore di sostanza stupefacente. Accompagnato presso gli Uffici del Settore Operativo è stato sottoposto ad un controllo accurato e all’interno degli slip sono stati rivenuti due involucri di cellophane contenenti 45 grammi di marijuana.

Ulteriori accertamenti hanno permesso di verificare che il soggetto in questione, sotto un alias, risultava gravato da diversi pregiudizi di polizia per reati inerenti gli stupefacenti. Al termine del controllo, dopo aver accertato la sua regolarità sul Territorio Nazionale, è stato denunciato in stato di libertà per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Gli Agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria, congiuntamente a personale del Nucleo Scorte Compartimentale, hanno denunciato un diciannovenne afgano per atti osceni in luogo pubblico. Il ragazzo a bordo di un treno regionale sulla tratta Torino – Bardonecchia, dopo aver preso posto davanti ad una viaggiatrice ha praticato atti di autoerotismo. La donna, non lasciandosi intimorire da quanto le accadeva sotto gli occhi, ha ripreso tutto con il proprio cellulare e immediatamente sporto denuncia presso il Posto Polfer di Bussoleno. Le indagini, partite nell’immediatezza, con il dispositivo di scorta a bordo del treno Torino – Bardonecchia con personale in uniforme e personale in abiti civili, hanno permesso di rintracciare il reo a bordo di un treno regionale nella medesima tratta ferroviaria, in prossimità della stazione di Grugliasco (TO).

Accompagnato presso gli Uffici della Squadra di Polizia Giudiziaria Compartimentale, per una sua identificazione completa, è stato denunciato in stato di libertà per atti osceni in luogo pubblico, con l’aggravante di aver commesso il fatto in presenza di minori che viaggiavano sullo stesso convoglio.

E’ al vaglio degli investigatori l’analisi di ulteriori denunce, prodotte da diverse vittime per reati dello stesso tenore a bordo dei medesimi treni, per verificare se si tratti dello stesso soggetto.

Nella Stazione di Torino Porta Susa gli Agenti Polfer hanno denunciato in stato di libertà un cittadino moldavo che ha dichiarato falsità sulla propria identità personale a pubblico ufficiale. Sempre Personale Polfer della Sottosezione di Torino Porta Susa ha rintracciato un minore scomparso che viaggiava a bordo di un treno regionale diretto in questo Capoluogo. Accompagnato presso gli Uffici di Polizia di stazione il giovane è stato riaffidato alle cure dei familiari.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X