Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Riprende il processo Eternit Bis dopo oltre un mese di pausa

Pubblicato

il

Riprende oggi, dopo oltre un mese di pausa, il processo Eternit Bis in Corte d’Assise a Novara, a carico dell’unico imputato, Stephan Schmidheiny, accusato di omicidio volontario con dolo eventuale per la morte di 392 persone, vittime dell’amianto a Casale Monferrato e nei paesi vicini.

Oggi è la volta del controinterrogatorio da parte della Procura (rappresentata dal procuratore torinese Gianfranco Colace, che è applicato per questo procedimento insieme al sostituto di Vercelli Mariagiovanna Compare): entrambi i magistrati – ed eventualmente poi le parti civili – sentiranno due professori universitari che rappresentano la difesa (i professori Cottica e Nicotra) e che sostengono come l’esposizione da amianto e l’eventuale dolo per l’insorgenza del mesotelioma siano da addossare al periodo precedente all’ingresso del colosso svizzero Eternit.

“Ancora venerdì scorso, durante un convegno con ricercatori e studiosi di fama a Roma, nella sala conferenze del Senato – spiega Bruno Pesce, invitato insieme alla delegazione dell’Afeva, l’Associazione Familiari e Vittime Amianto di Casale Monferrato – è stato ribadito all’unanimità come questa teoria non trovi fondamento in nessun consesso. Respirare la fibra d’amianto è come respirare un veleno: va analizzato il rapporto tra intensità, durata ed accelerazione della malattia e, va da sé, che più ne assumi più farà male e porterà a conseguenze nefaste per l’organismo”.

Oltre ai referenti Afeva, a Roma c’erano anche rappresentanti di altri sodalizi nazionali impegnati nella lotta all’amianto, quali l’Associazione Esposti Amianto, Legambiente, Pro Natura e Medicina Democratica.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X