Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Liguria: Arpal verso il dimezzamento dei tempi di analisi delle acque di balneazione

Pubblicato

il

GENOVA – Da lunedì 11 luglio, Arpal dimezzerà il tempo necessario per ottenere i risultati delle analisi sui campioni delle acque di balneazione. Il laboratorio dell’Agenzia utilizzerà un nuovo metodo miniaturizzato, denominato Enterolert E – IDEXX, che consentirà di ridurre da 48 a 24 le ore necessarie per ottenere il risultato relativo agli Enterococchi intestinali che, insieme ad Escherichia coli, rappresentano gli indicatori di inquinamento fognario, sui quali si basano le valutazioni di conformità delle acque.

“L’adozione di questo nuovo sistema da parte della nostra Agenzia Regionale per l’ambiente è una novità importante. – spiega l’assessore all’Ambiente della Liguria, Giacomo Giampedrone – Arpal infatti, oltre ad offrire un significativo contributo alla tutela della salute dei cittadini, salvaguarda quella dei tanti turisti che scelgono di trascorrere un periodo di vacanza nelle nostre località balneari, grazie al mare più bello d’Italia premiato anche quest’anno con il record di Bandiere Blu. La maggiore rapidità di analisi sui campioni delle acque darà inoltre un aiuto concreto ai sindaci dei comuni costieri che potranno adottare più rapidamente i provvedimenti di loro competenza. Voglio quindi ringraziare ancora una volta i tecnici di Arpal per la puntuale e costante cura che impiegano nel proprio lavoro”.

Il nuovo metodo è stato testato e validato da Arpal ed è adottato e accreditato anche presso altre Agenzie Regionali per l’Ambiente. Il Direttore Generale di Arpal Carlo Emanuele Pepe ha ricordato che “nelle molteplici attività dell’Agenzia a tutela dell’ambiente, i controlli sulle acque di balneazione impegnano, da aprile a settembre, risorse importanti con un monitoraggio capillare e costante. La riduzione dei tempi di analisi è un ulteriore servizio offerto alle amministrazioni comunali e a tutti i cittadini e conferma come il laboratorio Arpal sia all’avanguardia nell’utilizzo delle tecniche d’analisi più efficienti e innovative, come testimonia anche il lavoro svolto per la ricerca del SARS COV-2 nei reflui fognari”.

Per la stagione estiva 2022 Arpal, cui è delegato il monitoraggio delle acque di balneazione in Liguria, controlla 382 punti: 86 in provincia di Imperia, 101 in quella di Savona, 111 in provincia di Savona e 84 in provincia della Spezia. Ogni punto è monitorato con cadenza almeno mensile secondo cadenze, criteri e metodi stabiliti dal Decreto Legislativo n.116 del 2008.
La conformità di una singola zona, ai fini della balneabilità, si basa esclusivamente sui valori di laboratorio di Escherichia coli ed Enterococchi intestinali; per ottenere la conformità è necessario che entrambi i valori siano sotto i limiti stabiliti dalla normativa.
Ogni punto di monitoraggio ha anche una propria classificazione annuale, indipendente dal fatto che, in quel dato momento, sia balneabile o meno. Questo giudizio è calcolato su un set di dati “storici” (tipicamente gli ultimi quattro anni) e resta invariato per tutta la stagione balneare corrente. Al termine di ogni stagione balneare, la classificazione viene ricalcolata e deliberata, entro il 30 novembre di ogni anno, da Regione Liguria.

Per seguire l’andamento in tempo reale delle conformità è possibile collegarsi all’apposita sezione, nell’area tematica mare del sito Arpal https://www.arpal.liguria.it/tematiche/mare/balneazione.html

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X