Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Aumentano gli incidenti tra i cercatori di funghi

Pubblicato

il

TORINO – 52 finora le persone soccorse. Nove i morti e un disperso. Il Sasp lancia l’allarme

Gli uomini del Soccorso Alpino durante un intervento di salvataggio

Il Soccorso Alpino e Speleologico del Piemonte lancia l’allarme sull’aumento degli incidenti tra i cercatori di funghi.

Il Sasp infatti è dovuto finora ricorrere per salvare 52 persone, nove delle quali sono decedute, mentre una appare ancora dispersa

“Sono numeri allarmanti-sottolinea il soccorso alpino e speleologico piemontese – non vogliamo colpevolizzare gli amanti delle camminate nei boschi alla ricerca dei funghi, ma é necessario che queste persone seguano delle regole di sicurezza, dalle quali non si può prescindere“. 

In particolare il Sasp elenca alcune norme basilari indispensabili per la prevenzione e soprattutto per facilitare le operazioni di  un eventuale soccorso. L’invito è quello di indossare un abbigliamento adeguato al territorio nel quale ci si inoltra, comprese anche le calzature: meglio calzare degli scarponcini, piuttosto che gli stivali di gomma. 

Inoltre è necessario informarsi delle previsioni del tempo prima di inoltrarsi nelle boscaglie, onde evitare di incappare in peggioramenti meteo dai quali potrebbe essere difficile districarsi.

Infine il Soccorso Alpino e Speleologico del Piemonte invita i cercatori di funghi a comunicare sempre a qualcuno di fiducia le zone che si intende raggiungere, così da poter ovviare a eventuali problemi di ricezione del telefono cellulare

L’anno nero per gli incidenti è stato il 2018, dove sono state 75 le persone soccorse con 10 morti e due dispersi

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X