Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Aggrediscono una guardia giurata, arrestati due giovani

Pubblicato

il

IMPERIA – La scorsa notte due giovani hanno aggredito una guardia giurata e hanno tentato di sfilargli la pistola.

Polizia-repertorio

La scorsa notte, intorno alle ore 02.00, la pattuglia della Squadra Volante è intervenuta in via Milano, a Diano Marina, per un’aggressione subita da un dipendente di una società di vigilanza da tre giovani in evidente stato di alterazione.

Due dei giovani, hanno iniziato ad insultare e minacciare il vigilante, il quale aveva parcheggiato l’autovettura di servizio in via Milano per procedere ad effettuare un controllo a piedi. Trovandosi in difficoltà, il vigilante ha chiesto subito aiuto alla Sala Operativa.


In particolare, uno dei due ragazzi ha intimidato alla guardia giurata di non chiamare nessuno altrimenti lo avrebbe “riempito di botte” e nel frattempo ha tentato invano di sottrargli il telefono spingendolo, strattonandolo ed infine colpendolo con un pugno al volto.
Il secondo giovane si è unito al primo afferrando il calcio della pistola che la vittima aveva in fondina e tentando di sottrargliela, non riuscendo nell’intento grazie alla ferma resistenza che la guardia giurata è riuscito ad opporre anche utilizzando, a fronte dell’estremo pericolo, lo spray al peperoncino contro i due aggressori.
A questo punto entrambi i giovani hanno mollato la presa e quando dopo pochi istantiè giunta la Volante uno dei due si è dato alla fuga.


Gli autori dell’aggressione, Castelein Mattia, classe 2000 residente a San Bartolomeo al Mare e Gagliotti Giovanni, classe 1999 residente a Diano Castello, incensurati, sono stati arrestati per tentata rapina in concorso e il soggetto che ha tentato di allontanarsi altresì per resistenza a pubblico ufficiale, essendosi scagliato contro gli operatori nel momento in cui veniva da questi bloccato.
Questa mattina si è svolto il rito per direttissima in esito al quale il giudice ha convalidato l’arresto ed applicato ad entrambi la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X