Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Green pass, sgominata banda che trafficava falsi QR-code

Pubblicato

il

GENOVA/AOSTA – Un’operazione condotta dalla Polizia di Stato ha portato all’esecuzione di quattro perquisizioni tra Genova ed Aosta, nei confronti di soggetti che avevano alimentato un vero e proprio “business” legato alla compravendita di Green Pass falsi. L’attività d’indagine, condotta dalla Sezione Investigativa della DIGOS di Genova e coordinata dalla Procura del capoluogo ligure, ha permesso di individuare una catena di contatti che permetteva di ottenere certificati verdi contraffatti, che risultavano comunque validi e consentivano agli utilizzatori di avere accesso a luoghi e servizi dove era richiesto il green pass rafforzato, eludendo le restrizioni.

I quattro soggetti, tra i 29 e i 51 anni e tutti occupati, in contatto tra di loro, si sono adoperati per ottenere il green pass per se stessi e procurarlo anche a loro conoscenti, dando vita ad una rete illecita mediante la quale il potenziale cliente inviava i dati anagrafici e un pagamento parziale a titolo di acconto, e il produttore restituiva telematicamente i Certificati Verdi contraffatti ottenendo il resto della somma.

Foto di repertorio

Nel corso delle perquisizioni, eseguite dalla DIGOS genovese in collaborazione con la DIGOS di Aosta e la Polizia Postale, sono stati sequestrati gli smartphone e gli altri dispositivi informatici, nonché le varie ricevute di pagamento e i certificati sanitari a disposizione degli indagati, che risponderanno per i reati di ricettazione, falsità materiale commessa dal privato in certificati o autorizzazioni amministrative, e uso di atto falso. 

E’ in corso l’analisi dei contenuti dei dispositivi al fine di identificare i soggetti, a capo dell’organizzazione, che materialmente producono i green pass falsi, e di individuare le modalità connotate da tecnologia avanzata attraverso le quali riescono a generare un QR Code associato al nominativo, tanto da risultare “in regola” in occasione dei controlli tramite app di verifica.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X