Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Filcam Cgil Piemonte: stato di agitazione del commercio alimentare

Pubblicato

il

La situazione sanitaria nel nostro Paese si sta facendo di giorno in giorno sempre più drammatica, i casi di contagio da COVID19 crescono in maniera esponenziale e purtroppo anche i decessi. La FILCAMS CGIL del Piemonte, è consapevole che il settore della distribuzione alimentare è essenziale per la popolazione e pertanto è stato consentito alle aziende di continuare la loro attività, chiedono con forza che ciò avvenga nel pieno rispetto delle norme sanitarie a protezione di tutti i lavoratori e dei cittadini. Nei giorni scorsi è stato sottoscritto un protocollo che definisce le linee guida da adottare in tutte le aziende affinché si eviti il contagio da COVID19.

È necessario che le aziende si attengano a tali norme, in modo da attuare rigorosamente gli interventi di prevenzione collettiva e individuale. Purtroppo continuiamo a registrare carenze nelle misure messe in campo e carichi di lavoro insostenibili. La mancanza di dispositivi di sicurezza, l’assenza di controllo e sorveglianza, lo stress di massacranti turni di lavoro mettono a grave rischio tutte le persone che lavorano.

#noistiamoconchilavora

Chiediamo soluzioni, strumenti e interventi concretamente realizzabili:

  • dotazione dei DPI a tutti i lavoratori; -controllo rigido e contingentato dell’afflusso delle persone;
  • rispetto rigoroso della distanza interpersonale; – installazione di pannelli di plexiglass alle casse;
  • sanificazione costante di ambienti e superfici; – rimodulazione dell’organizzazione del lavoro con turni di
    lavoro “umani”.

Servono inoltre misure per contenere quanto più possibile il contagio da COVID19. Valutiamo negativamente che in questo senso il Governo non abbia adottato misure più restrittive per ridurre le aperture settimanali e decretare la chiusura domenicale di tutte le attività commerciali. Questa indecisione ha creato una condizione di caos e confusione nel settore lasciando all’iniziativa spontanea di ciascun operatore economico la scelta di contenere le aperture sia infrasettimanali che domenicali. Pensiamo che una limitazione e una razionalizzazione degli orari omogenea su tutto il territorio non compromette in alcun modo gli approvvigionamenti alimentari delle famiglie ma al contrario favorisca il contenimento del rischio contagio per cittadini e lavoratori e alleggerisca lo stress da lavoro cui sono sottoposti gli operatori.

In assenza di interventi governativi, abbiamo chiesto una tempestiva regolamentazione omogenea del settore da parte della REGIONE PIEMONTE, affinché la cittadinanza non sia disorientata ed abbia una univoca indicazione. Regolamentazione che preveda la riduzione dell’orario di apertura giornaliera e la chiusura totale nelle domeniche degli esercizi commerciali, compresi quelli della distribuzione alimentare.
IN MOLTE REGIONI, DAL VENETO ALLA SICILIA, DALL’EMILIA ROMAGNA ALLA SARDEGNA, DAL FRIULI ALLA CALABRIA, QUESTA DECISIONE E’ GIA’ STATA ASSUNTA CON ORDINANZE SPECIFICHE.
I rischi cui in questo momento le lavoratrici e i lavoratori sono sottoposti, il crescente disagio e il malessere acuito da condizioni di lavoro non più sostenibili chiedono attenzione e interventi da parte di tutti, Istituzioni comprese. Per queste ragioni la FILCAMS CGIL PIEMONTE dichiara su tutto il territorio regionale piemontese lo STATO DI AGITAZIONE delle lavoratrici e dei lavoratori del commercio alimentare FILCAMS CGIL, nelle realtà in cui si verificherà la carenza delle necessarie misure di sicurezza sanitaria, è pronta a sostenere tutte le azioni, anche di mobilitazione e di sciopero, a tutela dei lavoratori e della popolazione.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X