Entra in contatto con noi

Cronaca

Cse Fnilt scrive ad Amag Ambiente: “Lavoratori in precarie condizioni igienico-sanitarie”

Pubblicato

il

ALESSANDRIA – L’Organizzazione Sindacale CSE FNILT, Organizzazione Sindacale autonoma del Comparto Trasporti, Logistica ed Igiene Ambientale presente in Amag Ambiente da alcuni anni (prima dell’accordo capestro sottoscritto nel Dicembre 2020 da CGIL-CISL-UIL-FIADEL era presente all’interno anche con un proprio componente RSU) con una comunicazione che ha inoltrato alla Direzione Amag Ambiente, alla Direzione Amag e all’Assessore alle Partecipate al Comune di Alessandria Dott.ssa Antonella Perrone lancia l’allarme per le precarie condizioni igienico-sanitarie che stanno vivendo, da alcuni mesi, i lavoratori di Amag Ambiente Spa.

Il Segretario Territoriale CSE Alessandria-Asti Stefania Gallo segnala nella propria missiva “ i locali della sede operativa di Via T. Michel sono infestati, da molti mesi, da roditori che vagano indisturbati per tutti i locali(soprattutto lo spogliatoio maschile),i locali dei bagni risultano essere in condizioni fatiscenti a livello di arredi e pavimentazione, la Sede Operativa(contrariamente a quanto previsto dal DLGS 81/2008) non è dotata di un area ristoro e sosta per i dipendenti”.

Gallo Segnala inoltre come “all’interno del parco aziendale sono presenti diversi mezzi di qualsiasi metratura e funzione senza la presenza di area condizionata e/o con diversi malfunzionamenti a livello meccanico e di strumentazione”.

Inoltre il Sindacato ha segnalato come le attuali condizioni climatiche stiano causando non poche problematiche ai dipendenti Amag Ambiente, non ultime sono le notizie di malori e/o trasporti in Pronto Soccorso di dipendenti in servizio in solitaria, visto le condizioni critiche di lavoro a cui sono sottoposti (indumenti pesanti, ritmi di lavoro intensi, pause di recupero insufficienti, scarso consumo di liquidi).

Il Sindacato ha richiesto quindi all’Amministrazione Aziendale la risoluzione di tali problematiche nel più breve tempo possibile onde evitare ulteriori problematiche ai lavoratori ed alla cittadinanza.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X