Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Cronaca

Alessandria: sgominata banda dedita alla produzione e allo spaccio di droga

Pubblicato

il

ALESSANDRIA – Questa mattina, giovedì 20 ottobre, oltre 80 finanzieri del Comando Provinciale di Alessandria, con il supporto di unità cinofile e di militari dei Comandi Provinciali di Torino, Asti e Cuneo, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di misure cautelari emessa dal G.I.P. del Tribunale alessandrino nei confronti di 10 persone (sei in carcere, tre agli arresti domiciliari e un obbligo di firma) indagate, a vario titolo, per produzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari impiegati, inoltre, hanno eseguito il sequestro di due unità immobiliari e di un’autovettura, oltre che numerose perquisizioni nei confronti dei soggetti coinvolti nell’indagine, quali potenziali “clienti” e, a loro volta, “fornitori” delle sostanze vietate.

Le investigazioni, avviate dal dipendente Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria e coordinate dalla Procura della Repubblica di Alessandria, nella persona del Procuratore aggiunto, il dottor Tiziano Masini, supportate da attività di intercettazione telefonica, hanno avuto inizio da un controllo su strada di un veicolo che portava all’arresto della sua conducente ed al sequestro di oltre un chilogrammo di hashish e marijuana.

I successivi accertamenti hanno consentito di ricostruire una vera e propria filiera di spaccio, dalla coltivazione alla vendita, permettendo così, la ricostruzione dei ruoli dei singoli indagati, attraverso l’accertamento di ben oltre 2.000 cessioni di sostanze illecite, tutte circostanziate nella sola città di Alessandria.

Le indagini hanno condotto al secondo arresto della principale indagata ed al sequestro di un ulteriore chilogrammo di stupefacente, oltre all’arresto di un altro soggetto presso la cui abitazione è stata trovata una vera e propria piantagione di marijuana, coltivata all’interno di una serra. Ulteriori due persone sono state segnalate all’Autorità Giudiziaria per trasferimento fraudolento di valori, in relazione all’intestazione fittizia ad altri di un’autovettura.

Le perquisizioni hanno permesso di sequestrare circa 1.500 grammi di stupefacente e valuta per €. 8.350, consentendo l’arresto in flagranza di 5 soggetti (3 dei quali già destinatari di misure cautelari), nonché la denuncia a piede libero di altre 3 persone.

Parte dello stupefacente era occultato all’interno di un’intercapedine ed è stato individuato grazie al fiuto di “Maya”, unità cinofila del Gruppo Pronto Impiego della Guardia di Finanza di Torino. Il bilancio complessivo dell’operazione “Leone Reale” è di 12 persone arrestate, circa 4.500 grammi di sostanze stupefacenti, 2 immobili, 1 autovettura ed oltre 12.000 euro in contanti sequestrati.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X