Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Alessandria Calcio

Serie C, Alessandria-Novara: grigi beffati nel recupero

Pubblicato

il

L’Alessandria scende in campo contro il Novara per il posticipio della quarta giornata di Serie C 2020/21. I grigi, dopo una buona prestazione, vengono beffati nei minuti di recupero.

Andrea Arrighini, calciatore dell'Alessandria, in azione durante la partita contro l'Olbia, vinta per 4-1, dello scorso 4 ottobre 2020
Andrea Arrighini, calciatore dell’Alessandria, in azione durante la partita contro l’Olbia, vinta per 4-1, dello scorso 4 ottobre 2020 (fonte immagine: pagine Facebook ufficiale dell’Alessandria calcio)

Il posticipo della quarta giornata di Serie C 2020/21 tra Alessandria e Novara comincia a ritmi altissimi, sin dalle primissime frazioni di gioco. I grigi provano ancora a presentarsi in campo con un atteggiamento molto offensivo, nella speranza di cogliere impreparati i propri avversari. Dopo soli dieci minuti di partita, è però la squadra ospite a rompere il ghiaccio. Giuseppe Panico serve perfettamente Buzzegoli, giunto a rimarchio al limte dell’area, che scarica il suo sinistro forte e preciso per lo 0-1. Nei minuti successivi, i gaudenziani provano a gestire il vantaggio mentre gli uomini di Gregucci continuano a mantenere attiva la loro mentalità prettamente offensiva.

La manovra dei grigi si fa più intensa una volta superata il quarto d’ora. Al 22esimo minuto, al termine di una bella azione corale, Chiarello effettua un passaggio molto simile a quello di Panico, che ha portato al gol il Novara, per Castellano: il centrocampista milanese calcia a botta sicura ma il tiro viene fermato dal braccio di Schiavi, in piena area, e l’arbitro assegna il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Eusepi, rientrato dalle tre giornate di squalifica, che mette la palla in porta spiazzando Lanni. Il match torna quindi in pareggio, sull’1-1.

Poco dopo la mezz’ora di gioco, il Novara sfiora la rete del secondo vantaggio di giornata. Sulla conclusione di Lanini in scivolata, ci mette una pezza l’estremo difensore dei grigi Crisanto, con un’uscita e un salvataggio di grandi qualità. L’Alessandria percepisce il pericolo e qualche minuto dopo costruisce una grande occasione, che si conclude con la rete di Chiarello. Il guardalinee alza però la bandierina per segnalare il fuorigioco, annullando di fatto la rete del numero 4 dei grigi. Ci sono però dubbi sulla posizione del giocatore, poiché non sembra così chiaro che fosse oltre la linea dei difensori novaresi. L’Alessandria mantiene il livello di intensità fino alla fine del primo tempo, senza riuscire a trovare la via del gol. All’intervallo, il tabellone del “Moccagatta” segna 1-1.

Il secondo tempo si apre con la carica dell’Alessandria, che mette sempre più sotto pressione la retroguardia ospite. La squadra guidata da Gregucci insiste sulle due fasce, dove corrono Parodi e Celia. Proprio quest’ultimo, ha due ottime opportunità sui propri piedi. La prima delle due arriva grazie a una smanacciata non proprio eccellente del portiere avversario, però il suo tiro, da posizione defilata, finisce alto sulla traversa. Nell’azione successiva invece, l’esterno dei grison rientra sul destro ma calcia debolmente e alla sinistra del portiere novarese.

La fase offensiva dell’Alessandria mette sempre più in tensione il Novara, il quale inizia a rifugiarsi in fugaci ripartenze, l’unico modo per mettere sotto scacco i padroni di casa in questo momento della partita. La presenza di Eusepi consente ai grigi di avere maggiore fantasia nei movimenti d’attacco, anche se non basta a far saltare l’ordine della difesa gaudenziana. In seguito a un forcing di svariati minuti, i grigi mollano un po’ la presa e concedono al Novara di conquistare metri in avanti. Il fatto che i suoi giocatori abbiano permesso agli avversari di salire, sembra non essere piaciuta molto a Mister Gregucci, che infatti rinforza il tridente offensivo inserendo Arrighini.

Il cambio fa sì che il baricentro del Novara si sposti un po’ indietro mentre, nel frattempo, saltano gli schemi, come di consueto negli ultimi dieci minuti di partita. I grigi riescono comunque a gestire di più la palla, per via della stanchezza fisica della squadra ospite. Quindi gli ospiti sono obbligati a fare affidamento ancora al contropiede e in un’occasione Cisco si trova a correre in solitaria sulla fascia destra, ma l’assistente dell’arbitro segnala il fuorigioco, bloccando una ghiotta opportunità. Dalla panchina novarese partono alcune proteste che hanno termine con l’espulsione di un componente dello staff.

Nei minuti conclusivi, l’Alessandria smette completamente di ragionare e il Novara approfitta. Cisco è devastante sulla destra, brucia tutta la retroguardia grigia e crossa rasoterra a centro area, dove Firenze colpisce in spaccata. Crisanto prova a salvare il salvabile, la palla però sbatte sul palo e supera la linea di porta. Il Novara si porta sull’1-2, l’Alessandria non riesce a replicare nei minuti di recupero e torna a casa beffata. I grigi sono alla seconda sconfitta consecutiva e Gregucci deve necessariamente lavorare per riordinare le idee dei suoi giocatori.

Questa sera vogliamo ricordare tutti insieme un amico e un collega che ci ha lasciati: Franco Capone. Lo facciamo con malinconia e
con affetto per lui appassionato cronista di mille battaglie Grigie. Ciao Franco! Quell’angolo di tribuna stampa sara’sempre il tuo e tu con noi.

FORMAZIONI
ALESSANDRIA: Crisanto; Macchioni, Cosenza, Prestia (72′ Blondett); Celia, Suljic, Castellano, Parodi; Eusepi, Corazza, Chiarello (76′ Arrighini). All: Gregucci.
NOVARA: Lanni; Cagnano, Migliorini, Sbraga (63′ Bellich), Lamanna; Schiavi (54′ Firenze), Buzzegoli, Bianchi (64′ Collodel); Lanini (54′ Gonzalez), Zigoni (72′ Cisco), Panico. All: Banchieri.

GOL: 11′ Buzzegoli (N), 22′ Eusepi (A) [rig.], 90+1’ Firenze (N)

AMMONIZIONI: 9′ Suljic (A), 22′ Schiavi (N), 33′ Cosenza (A)

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X