Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Alessandria Calcio

Alessandria-Livorno: successo in rimonta dei grigi con un rigore nel recupero

Pubblicato

il

L’Alessandria Calcio ospita allo Stadio “Moccagatta” il Livorno, per la nona giornata di Serie C 2020/21. I grigi subiscono un blackout difensivo nel primo quarto d’ora ma rimontano e portano a casa la vittoria.

I giocatori dell’Alessandria festeggiano dopo un gol contro il Pontedera, nel match valido per la settima giornata di Serie C 2020/21 (fonte immagine: pagina Facebook ufficiale dell’Alessandria Calcio)

L’Alessandria scende in campo con il solito atteggiamento aggressivo, costringendo il Livorno a restare in posizione arretrata in questa prima fase di partita. I grigi attaccano con insistenza dalla destra, sfruttando le qualità offensive di Parodi. I toscani riescono comunque a farsi avanti, complici alcune lacune difensive dei padroni di casa, e in un’occasione Mazzeo va vicino alla rete del vantaggio, ma Crisanto salva incredibilmente la porta. Alla seconda possibilità però, la squadra ospite non perdona: Marsura taglia nella difesa alessandrina e viene lanciato in porta, Parodi non chiude bene la diagonale e il numero 7 livornese realizza il gol dello 0-1.

La squadra di Gregucci si trova in una impasse e subisce psicologicamente il colpo. Infatti, qualche minuto dopo, gli amaranto trovano addirittura la seconda rete di giornata. Un’altra disattenzione difensiva consente nuovamente a Mazzeo di essere a tu per tu con Crisanto, ma questa volta il trequartista ex Foggia serve Pallecchi in corsa, il quale appoggia in rete a porta libera per lo 0-2. Il doppio svantaggio sveglia i grigi dall’incubo del primo quarto d’ora e, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, accorciano le distanze sull’1-2. Il cross di Casarini dalla bandierina è perfetto così come l’inserimento e il colpo a botta sicura di Blondett, sul quale l’estremo difensore livornese Stancampiano non può nulla.

Dopo i tre gol iniziali, entrambe le squadre abbassano i ritmi di gioco, anche se non mancano i guizzi dei singoli. Proprio in una di queste occasioni, Arrighini si lancia in velocità verso la linea di fondo e serve Corazza mentre taglia sul primo palo, però il suo colpo di testa in torsione sfiora solamente il palo più lontano ed esce di alcuni centimetri. I grison comprendono che il pareggio è assolutamente alla loro portata e, per svariati giri di orologio, intensificano le operazioni di ricerca del gol. Il Livorno ne esce indenne e controattacca i locali, andando anche a un soffio dal terzo gol con Haoudi. Superato lo spauracchio, in chiusura di primo tempo l’Alessandria si rifà in avanti creando qualche timore agli ospiti ma nulla di più. Si va quindi negli spogliatoi, al termine del primo tempo, sul punteggio di 1-2.

La pausa dell’intervallo permette agli uomini di Gregucci di raccogliere le forze e le idee. Infatti, partono subito a mille: dopo soli venti secondi, Eusepi riceve un cross e colpisce di testa, impegnando Stancampiano, seppur con una parata facile. La tenacia dei grigi è un’ottima risposta ai tentativi livornesi di riprendere in mano il controllo e l’andamento del match. Un’altra chance capita ancora tra i piedi del centravanti Arrighini, che si propone con il movimento a rientrare dalla destra, per calciare con il sinistro, ma non va a buon fine. La squadra ospite va parecchio in difficoltà e rischia anche di subire gol per via di un patatrac difensivo.

Un minuto dopo circa, arriva finalmente il 2-2 dell’Alessandria. Celia crossa dalla sinistra e Mora calcia al volo, mettendo la palla nell’angolino basso. Il gol aumenta notevolmente il morale dei padroni di casa, che nei successivi minuti continuano a giocare con una mentalità prettamente offensiva. Di contro, la squadra amaranto, che già stava cercando di abbassare il ritmo, adesso si impegna a far addormentare completamente la partita, praticando una gestione del possesso palla che consenta loro di salire lentamente per poi provare a colpire. Nonostante il comportamento degli avversari, i grigi non smettono di affondare quando sono loro invece a gestire la palla.

I momenti conclusivi sono molto problematici per la formazione in trasferta, a causa dell’energica manovra messa in atto dall’Alessandria. Il Livorno, in ogni caso, tenta di attaccare ma non lo fa in maniera particolarmente convincente. Quando il pareggio sembra ormai scritto, i padroni di casa conquistano un calcio di rigore che provoca anche l’espulsione di Piccoli. Sul dischetto si presenta il subentrato Eusepi che converte in gol il rigore e completa la rimonta: Stancampiano indovina l’angolo ma non para. Al termine dei quattro minuti di recupero, l’arbitro fischia la fine e sancisce la vittoria dell’Alessandria sul Livorno per 3-2: dopo il blackout iniziale, i grigi portano a casa i tanto insperati tre punti.

I padroni di casa ottengono quindi la terza vittoria consecutiva, dopo un avvio di stagione sottotono, e si rifanno delle beffe subite contro Novara e Grosseto.

FORMAZIONI
ALESSANDRIA: Crisanto; Blondett, Prestia, Scognamillo; Celia, Castellano (46′ Di Quinzio), Gazzi (27′ Suljic), Casarini, Parodi (46′ Mora); Arrighini (74′ Stijepovic), Corazza (40′ Eusepi). All: Gregucci.
LIVORNO: Stancampiano; Porcino, Sosa, Di Gennaro, Parisi; Agazzi, Haoudi; Marsura (77′ Deverlan), Mazzeo (77′ Braken), Pallecchi (63′ Piccoli); Maiorini. All: Dal Canto.

GOL: 10′ Marsura (L), 16′ Pallecchi (L), 21′ Blondett (A), 67′ Mora (A), 90+3′ Eusepi [rig.] (A).

AMMONIZIONI: 44′ Porcino (L), 48′ Mazzeo (L), 78′ Agazzi (L), 86′ Deverlan (L), 90+2′ Stancampiano (L).

ESPULSIONE: 90+2′ Piccoli (L).

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X