Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Alessandria Calcio

Serie C, Lecco-Alessandria: grigi sconfitti da un avversario più solido

Pubblicato

il

L’Alessandria Calcio torna in campo nel turno infrasettimanale, per la terza giornata del Campionato di Serie C 2020/21, contro il Lecco. Dopo la bella vittoria sull’Olbia, arriva la prima sconfitta stagionale in campionato.

Alessandria Calcio in azione durante la sfida di Coppa Italia 2020/21 contro il Cosenza
Alessandria Calcio in azione durante la sfida di Coppa Italia 2020/21 contro il Cosenza (fonte immagine: Michele De Marco – Cosenza Calcio)

L’Alessandria si presenta sul campo del Lecco con l’atteggiamento offensivo già messo in mostra nelle precedenti uscite di campionato, ma sono i padroni di casa a rompere subito il ghiaccio. Dopo appena cinque minuti di gioco, Cauz effettua un cross perfetto sul quale si avventa Galli: la zampata dell’ex calciatore del Monza porta i lecchesi in vantaggio per 1-0. I grigi, un po’ sorpresi dalla rete subita, provano a rispondere a tono ma senza successo: gli attacchi alessandrini non creano grandi problemi all’estremo difensore dei locali Bertinato. A rendere più difficoltoso l’inizio di partita per i grigi ci pensa Scognamillo, il quale interviene in maniera molto scomposta su Galli per evitare una ripartenza. Nel caso fosse partito, si sarebbe trovato a tu per tu con Crisanto. L’arbitro lo sanziona con il cartellino giallo, salvando la partita del difensore.

I blucelesti mantengono alto il loro livello di gioco, non si adagiano sul gol segnato in apertura. Di contro, la squadra di Gregucci cerca di ricucire il gap ma è troppo frettolosa nei propri tentativi. L’Alessandria sposta sempre più avanti il baricentro, creando però spazi interessanti per i locali. In un’occasione, Mangni scappa via in velocità da Scognamillo, che non può commettere fallo perché già ammonito, e obbliga Cosenza a intervenire, in scivolata, dentro l’area di rigore. Ciò che sembra mancare agli ospiti, in questa fase, è l’organizzazione nella manovra, elemento che invece emerge nel Lecco. Al 35esimo, la rapidità di gamba di Mangni è decisiva per servire Iocolano a centro area, che controlla e spara la palla in rete. Il Lecco vola sul 2-0 mentre l’Alessandria non trova affatto la quadra.

La seconda rete non spegne gli animi, né di una né dell’altra squadra. In particolare, l’Alessandria si lancia in avanti per riprendere in mano il destino di questo match. Nel finale del primo tempo, i grigi si affidano anche alle torri difensive, nella speranza di un colpo di testa, ma i corner e i cross sono imprecisi. La solidità dei padroni di casa si nota anche nella retroguardia. Infatti, i grigi hanno avuto qualche chance di andare in gol, ma mai in modo così limpido da chiedere gli straordinari a Bertinato. Dopo quarantacinque giri di orologio, l’arbitro manda le squadre negli spogliatoi per l’intervallo, con il punteggio che vede il Lecco condurre per 2-0.

Prima del fischio d’inizio del secondo tempo, l’allenatore dell’Alessandria Gregucci inserisce Macchioni al posto di Scognamillo, in evidente difficoltà contro gli attaccanti lecchesi. Pronti, via e Casarini sfiora il gol che riaprirebbe la partita. La sua conclusione è potente ma finisce fuori, alla destra del portiere. I grigi, dopo aver rischiato il k.o. definitivo, evitato grazie all’uscita perfetta di Crisanto su Mangni, aumentano il ritmo. La manovra degli ospiti si fa più intensa e comincia, finalmente, a essere seriamente pericolosa. Quando scocca l’ora di gioco, gli ospiti vanno nuovamente vicino al gol: Corazza, spalle alla porta, prova a rovesciare ma la sfera finisce alta sulla traversa.

Nonostante l’inizio molto volenteroso dell’Alessandria, il Lecco mantiene la calma e l’organizzazione di squadra che l’ha contraddistinta nella prima frazione. Su uno spunto di Capoferri sulla sinistra, il Lecco trova addirittura la terza rete con il tap-in di Capogna, ma l’attaccante bluceleste era in posizione di fuorigioco quando è stato servito davanti alla porta, motivo per cui il gol non viene convalidato. Poco dopo si crea un’altra situazione favorevole per i locali, con Mangni che si lancia verso la porta ma controlla male e si fa recuperare dalla retroguardia dei grigi. Il Lecco colleziona altre opportunità, sfruttando a pieno lo squilibrio tra fase difensiva e offensiva dell’Alessandria.

A dieci minuti dal termine, in una delle varie occasioni costruite in contropiede, i blucelesti vanno ancora vicini al terzo gol ma Capogna colpisce il palo in pieno. Cinque minuti dopo, è l’Alessandria a punire gli avversari. Un pallone messo in mezzo da Rubin e respinto da un difensore lecchese, finisce tra i piedi di Mora che scarica il destro e butta la palla in rete, accorciando le distanze sul 2-1. La partita si riapre improvvisamente, però l’autore del gol commette un fallo a centrocampo che gli costa il secondo giallo, e quindi il rosso. Con i grigi in dieci e sotto di un gol, i locali cercano di gestire la situazione: D’Agostino inserisce anche forze nuove per riordinare i suoi uomini.

Nei cinque minuti di recupero, l’Alessandria tenta il tutto per tutto muovendo tutte le proprie forze verso l’area di rigore avversaria. Le azioni che nascono da questi tentativi disperati non permettono ai grigi di trovare il gol della pari. Il Lecco batte per 2-1 l’Alessandria e sale momentaneamente in vetta al girone A di Serie C, mentre i grigi restano a quota 4 punti, all’undicesimo posto. La squadra guidata da Gregucci potrà rifarsi lunedì, al “Moccagatta”, nel posticipo contro il Novara.

FORMAZIONI
LECCO: Bertinato; Cauz, Marzorati, Celjak; Capoferri, Galli (72′ Lora), Marotta, Nesta; Iocolano (87′ Moleri), Mangni (88′ D’Anna); Mastroianni (65′ Capogna). All: D’Agostino
ALESSANDRIA: Crisanto; Scognamillo (46′ Macchioni), Cosenza, Blondett; Celia (74′ Rubin), Suljic (65′ Castellano), Casarini, Mora; Arrighini (65′ Chiarello), Di Quinzio (74′ Frediani); Corazza. All: Gregucci

GOL: 6′ Galli (L), 35′ Iocolano (L), 85′ Mora (A).

AMMONIZIONE: 14′ Scognamillo (A), 30′ Mora (A), 47′ Mastroianni (L), 90+3′ Marzorati (L).

ESPULSIONE: 86′ Mora (A) doppia ammonizione.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X