Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD

Alessandria Calcio

Alessandra-Pistoiese: prima vittoria dei grigi con Longo

Pubblicato

il

L’Alessandria conquista la prima vittoria con Moreno Longo in panchina. Le reti di Chiarello e Castellano regalano tre punti fondamentali per restare aggrappati ai piani alti della classifica.

I giocatori dell'Alessandria festeggiano dopo un gol contro il Piacenza, nell'11esima giornata di Serie C 2020/21
I giocatori dell’Alessandria festeggiano dopo un gol contro il Piacenza, nell’11esima giornata di Serie C 2020/21 (fonte immagine: pagina Facebook ufficiale dell’Alessandria Calcio)

L’Alessandria apre il suo girone di ritorno, ospitando la Pistoiese al “Moccagatta”. Moreno Longo fa il suo debutto sulla panchina grigia: l’allenatore torinese è subentrato ad Angelo Gregucci, esonerato dopo la sconfitta contro il Como. Che i grigi abbiano cominciato un nuovo percorso, si capisce sin dai primissimi minuti di partita. Manca però, inizialmente, l’elemento della fantasia sulle fasce, classica caratteristica dell’Alessandria di quest’anno. Invece si dimostra subito molto importante Giorno, che fa da perno a centrocampo e gestisce la manovra.

I padroni di casa cercano di farsi pericolosi, ma seguendo un principio di coralità. Appena superato il ventesimo, Arrighini quasi scappa via alla retroguardia arancione e costringe Varga a commettere un fallo da giallo sacrosanto. Poco dopo, la difesa grigia si addormenta e concede a Stoppa l’opportunità di andare a tu per tu contro Pisseri: il portiere classe ’91 è perfetto nell’uscita e protegge il risultato. A questo punto, l’Alessandria evita di controllare troppo il possesso e punta più sulle ripartenze. Un’altra chance capita tra i piedi di Giorno, che conclude con potenza dai venti metri ma la palla esce di poco al lato.

La Pistoiese non rinuncia ad attaccare negli spazi concessi, e spesso i grigi devono chiudere in extremis, a volte rischiando anche di commettere falli da rigore. Intanto, nelle file dell’Alessandria, Parodi fa un lavoro egregio sulla sinistra, costringendo il suo marcatore a commettere ripetute irregolarità. Anche Arrighini si propone svariate volte ma sempre con una certa imprecisione. Invece Eusepi sciupa una chance di partire in contropiede, attendendo troppo il pallone e permettendo a Varga di rientrare. Il primo tempo termina dopo un solo minuto di recupero, con il punteggio ancora fermo sullo 0-0.

La ripresa si gioca con un’intensità più elevata. Sia i locali che gli ospiti cercano di cogliere subito la palla al balzo. Ma con il passare dei minuti, i grigi schiacciano gli orange nella propria metà campo e i tentativi si fanno sempre più insistenti. Arrighini trova anche il gol a porta vuota, dopo la torre di Eusepi, ma il guardalinee segnala una presunta posizione di fuorigioco. La partita prende finalmente una direzione appena Mustacchio fa il suo ingresso in campo. Bastano trenta secondi all’esterno di centrocampo per cancellare gli indugi: dimenticato dalla difesa sul fondo campo, entra in area tutto solo e serve l’assist per Chiarello, che spedisce la sfera in porta con estrema tranquillità.

La rete dell’1-0 provoca la risposta dei toscani. Di contro, l’undici di Longo inizia a chiudersi anche troppo rispetto alle necessità. Pierozzi si rende protagonista di una bella discesa in area di rigore, concludendo due dribbling in fila, ma la retroguardia grigia ci mette una pezza. Sugli sviluppi di un corner, Eusepi rischia la frittata: nel tentativo di rispedire lontano il pallone, lo rimette a centro area. Però gli ospiti calciano solo contro il muro di maglie alessandrine. L’occasione più ghiotta è quella di Chinellato, il quale calcola bene i tempi dell’inserimento per colpire di testa ma sbaglia di un soffio.

Questa fase di gara è molto confusa, soprattutto perché la squadra in maglia arancione fa saltare gli schemi. La tattica ospite è salire con quanti più uomini e coprirsi solo con uno o due centrali. I grigi così rischiano di trovare la seconda rete di giornata sull’asse Mustacchio-Chiarello: il cross del primo è perfetto, il colpo di testa del secondo non è dei migliori. A ridosso del novantesimo, Casarini si mangia l’opportunità di raddoppiare e chiudere la pratica. Nel recupero, con la Pistoiese proiettata in avanti, i grigi possono catapultarsi in contropiede con Corazza. L’attaccante ex Reggina serve Castellano, che quasi sbaglia ma la palla supera la linea di porta e firma il 2-0.

L’arbitro fischia la fine dopo cinque minuti di recupero. L’Alessandria torna alla vittoria e mantiene saldamente il suo quarto posto in classifica.

FORMAZIONI
ALESSANDRIA: Pisseri; Prestia, Cosenza, Blondett; Parodi, Chiarello (88′ Castellano), Giorno (68′ Casarini), Bruccini, Mora (55′ Mustacchio); Arrighini (88′ Stanco), Eusepi (68′ Corazza). All: Longo.
PISTOIESE: Perucchini; Salvi (59′ Camilleri), Varga (85′ Llamas), Mazzarani; Simonti (85′ Mal), Spinozzi (85′ Tempesti), Simonetti, Pierozzi; Stoppa (75′ Cerretelli), Valiani; Chinellato. All: Riolfo.

GOL: 56′ Chiarello (A), 90+4′ Castellano (A).

AMMONIZIONI: 20′ Varga (P), 72′ Pierozzi (P), 81′ Camilleri (P).

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X