Entra in contatto con noi
Pubblicità
Post AD
Pubblicità
Post AD

Alessandria

Sanità Alessandria, la CUB denuncia la grave confusione delle strutture provinciali

Pubblicato

il

ALESSANDRIA – La Cub Sanità Alessandria denuncia la confusione che regna nelle strutture sanitarie della provincia di Alessandria; confusione che ha raggiunto livelli indescrivibili. A patire tale confusione sono gli utenti dei servizi ed i dipendenti delle medesime strutture.

Nelle scorse settimane, era stato sottolineato l’ostinato atteggiamento persecutorio nei confronti dei dipendenti che non hanno aderito alla campagna vaccinale.

“Campagna vaccinale che si è rivelata, nel corso di questo autunno, inefficace, e che ha costretto un numero sorprendente di dipendenti pluri-vaccinati a trascorrere settimane in malattia perché infettati da Covid” prosegue il comunicato di CUB Sanità Alessandria.

Il susseguirsi di decreti legge, circolari e note, non di rado contraddittorie, ha avuto “quali prima e diretta conseguenza quella di erodere i diritti dei cittadini”.

Le leggi, almeno le più importanti, anche e soprattutto quelle che riguardano i rapporti di lavoro, devono avere carattere universale e duraturo, devono valere per tutti e devono poter essere di facile interpretazione, per evitare che chi ha potere possa esercitarlo in modo arbitrario.

“In provincia di Alessandria, a causa del moltiplicarsi di interpretazioni da parte di aziende pubbliche, private ed ordini professionali, i guariti da covid possono o non possono tornare a lavorare a seconda delle convenienze di qualcuno, a seconda delle decisioni arbitrarie dei funzionari, a seconda degli orientamenti ideologici di chi dovrebbe, invece, avere a cuore il buon funzionamento dei servizi sanitari”.

La confusione e l’arbitrio regnano sovrani, il diritto è oggetto di scherno da parte dei dirigenti. Nella stessa provincia, a pochi chilometri di distanza, sono presenti strutture che consentono alle persone guarite da Covid di lavorare, ed altre che non lo consentono.

Persone sospese che dovrebbero essere reintegrate non vengono reintegrate per via di atteggiamenti ostinati e persecutori verso una categoria di individui. Lo stato di emergenza, o meglio lo stato di eccezione in cui stiamo vivendo ci ha portati ad “una situazione analoga a quella descritta da Manzoni nella Milano del 600, dove la legge veniva sostituita dagli ordini di bravi e potenti”.

La retorica che in questi anni ci ha accompagnati non poteva che portare a questa situazione disastrosa, dove la programmazione e l’attenzione verso la cura della persona hanno ceduto il passo ad atteggiamenti e decisioni che testimoniano “il degrado della nostra sanità, pubblica e privata, e della nostra Repubblica, scivolata, a dispetto di chi riteneva che ne usciremo migliori, nella peggiore delle oligarchie”.

Anche nella sanità si sono andati consolidando gruppi che non possono essere chiamati dirigenti; essi testimoniano con la qualità dei servizi e con il trattamento che riservano ai lavoratori ed alle lavoratrici, il degrado morale e civile che ha causato l’epidemia, di cui è esempio il problema sopra descritto.

La Cub Sanità Alessandria pretende il ritorno alle leggi, al diritto, ovvero all’osservanza di norme durature ed uguali per tutti, che regolando i rapporti di lavoro ed il rapporto tra cittadini e servizi sanitari scongiurano il caos in cui siamo finiti e ripristinano il normale vivere civile.

La Cub Sanità Alessandria ritiene il susseguirsi di “di stati d’emergenza” e “stati d’eccezione” un grave pericolo che ci avvicina alla fine dello stato di diritto.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Post AD
X